Bsa traccia l’albero genealogico del download

CyberwarSicurezza

Simona Lavagnini, legal counsel Bsa Italia, spiega il groviglio legislativo
che sta dietro la sentenza della Cassazione che ha creato il caso mediatico
sullo scambio di opere coperte dal diritto d’autore

Anche Business Software Alliance (BSA) dice la sua sulla sentenza della Cassazione sul caso del diritto d’autore. “Entrando nel merito della questione, è doveroso sottolineare che i fatti cui si riferisce la sentenza sono accaduti nel 1999, ossia precedentemente all’entrata in vigore sia della legge c.d. antipirateria (248/2000) sia della legge 43 del 2005, contenente anche disposizioni in materia di utilizzo abusivo tramite reti informatiche di opere dell’ingegno”, sottolinea Simona Lavagnini, legal counsel Bsa Italia. “La legge 248, anzitutto, ha stabilito che costituisce reato la duplicazione abusiva di programmi per elaboratore, anche quando il fine sia quello di ottenere un profitto (anziché un lucro), fattispecie in cui ricade anche il mancato sostenimento del prezzo di vendita al pubblico del prodotto. Inoltre – continua Lavagnini – la legge 43 del 2005 ha qualificato come reato la condotta di chi “mette a disposizione del pubblico, immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, un’opera dell’ingegno protetta”. Tale condotta è poi più severamente punita (con la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni e della multa fino a 15.493 euro) se svolta con il fine di procurarsi un lucro. Senza contare che tali attività costituiscono comunque un illecito amministrativo oltre che un illecito civile, legittimando i titolari dei diritti d’autore a chiedere quantomeno il risarcimento del danno patito. La legge vigente nel 1999, come giustamente ha riscontrato la Corte di Cassazione, non aveva questo tenore e per questo motivo la condotta degli studenti torinesi non è stata punita: una legge penale che aggrava la pena per una particolare azione non può infatti applicarsi alle azioni precedenti la sua entrata in vigore.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore