CA Italia si orienta ai mercati verticali

Aziende

L’azienda si focalizza sul cliente e annuncia una nuova organizzazione e le
strategie per l’anno fiscale 2008

CA Italia passa dal modello basato su Business Unit ad un approccio orientato ai mercati verticali. Inoltre sposa un nuovo approccio customer centric e orientato ai mercati verticali che permetterà una maggiore focalizzazione sul cliente e sulle problematiche del suo settore. CA Italia annuncia per l’anno fiscale 2008 un nuovo assetto organizzativo che prevede una presenza diretta su un numero di clienti più circoscritto, una strategia di sviluppo del business con i partner di canale e un approccio più orientato ai mercati verticali. Obiettivo principale della riorganizzazione è il consolidamento della relazione con il singolo cliente, al quale sarà dedicato un team di funzionari commerciali, partner di canale e tecnici specializzati per aree tecnologiche e mercati verticali. “Il mercato italiano si trova oggi a dover conciliare esigenze contrapposte. Da una parte budget selettivi e investimenti ben ponderati, dall’altra la ricerca di un’elevata flessibilità e rapidità nel rispondere alle richieste da parte del business aziendale, unite ad una continua necessità di recuperare l’efficienza operativa ed adeguarsi a normative sempre più stringenti”, ha commentato Mauro Solimene, Country Manager di CA Italia. “Per rispondere a queste esigenze CA vuole essere più vicina al cliente, capirne meglio le dinamiche di business nel contesto del suo mercato di riferimento e aiutarlo a sfruttare appieno il potenziale dell’IT”. La nuova struttura customer centric adottata da CA Italia consentirà di individuare, comprendere e rispondere meglio alle specifiche necessità di gestione dell’infrastruttura IT di ciascuna azienda, anche in funzione del settore di appartenenza. I partner di canale, ovvero i system integrator e le società di servizi, svolgeranno un ruolo fondamentale nella diffusione delle competenze sulle tecnologie CA, nell’approccio ai diversi settori merceologici e nella realizzazione di grandi progetti. I temi tecnologici sui quali CA si focalizzerà in modo particolare nel corso dell’anno comprendono alcune fra le principali problematiche IT delle aziende, quali la gestione di reti convergenti (dati, voce e video), il controllo delle identità e degli accessi, il project and portfolio management, la gestione e il monitoraggio dei servizi IT. In Italia CA passa quindi quest’anno dal modello basato sulle Business Unit ad un approccio tecnico e commerciale più sinergico e orientato ai mercati verticali. Con il nuovo assetto CA conta di consolidare la presenza nei settori in cui l’azienda vanta oggi il maggior numero di clienti, ovvero la Finanza e l’Industria, e incrementare nel contempo la sua quota di mercato nelle aree della PA, delle Telecomunicazioni e dei Servizi.

La principale novità di quest’anno riguarda il numero di clienti sui quali CA concentrerà la sua forza di vendita diretta. L’azione sarà infatti circoscritta a cento aziende, di medie e grandi dimensioni, suddivise per settori merceologici. Sul resto del mercato italiano CA lavorerà esclusivamente attraverso la rete dei suoi partner di canale, ovvero le terze parti. Responsabili dell’organizzazione commerciale diretta sono Mauro Calò, Andrea Gianni e Giovanni Sassone.

A coadiuvare, su tutto il territorio, le divisioni commerciali nel rapporto con il cliente saranno le due strutture tecniche di pre- e postvendita, guidate rispettivamente da Fabrizio Tittarelli e Nicoletta Nicolai. Ogni cliente seguito dalla forza commerciale diretta sarà supportato da un team di esperti di ciascuna delle due divisioni, specializzati nelle diverse aree tecnologiche dell’offerta di CA. Calò, Gianni, Sassone, Degradi, Tittarelli e Nicolai risponderanno a Mauro Solimene, Country Manager di CA Italia da dicembre.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore