CA presenta eTrust Anti-Spam

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Il nuovo prodotto di sicurezza è dedicato al mondo consumer. In funzione anti phishing

eTrust Anti-Spam blocca i messaggi indesiderati e consente di impedire le frodi basate sulla pratica del phishing. Computer Associates presenta eTrust Anti-Spam, una soluzione efficace e facile da usare per la difesa contro lo spam e il rilevamento di eventuali frodi. eTrust Anti-Spam è l’ultimo nato della serie di prodotti per la sicurezza consumer di CA, che comprende anche soluzioni software antivirus, antispyware e firewall. Secondo un recente rapporto di IDC, i messaggi indesiderati (“spam”) inviati quotidianamente in tutto il mondo sono passati da sette miliardi nel 2002 a 23 miliardi del 2004. Il rapporto, intitolato “Worldwide Antispam Solutions 2004 – 2008 Forecast and 2003 Vendor Shares: What is Being Done About Spam”, riporta anche che, stando agli Internet Service Provider e alle aziende specializzate in servizi anti-spam, lo spamming rappresenta al momento una cifra compresa tra il 50 e il 95 per cento di tutti i messaggi di posta elettronica in arrivo. Rimane inoltre molto diffusa la pratica del “phishing”, in base alla quale i malintenzionati si servono di e-mail inviate apparentemente da aziende con marchi molti noti attraverso il sistema dello spoofing oppure dirottano pagine Web legittime per raggirare i destinatari e indurli a fornire informazioni personali riservate come il loro codice fiscale o il numero della carta di credito. eTrust Anti-Spam risolve molti dei problemi di spamming e delle e-mail fraudolente grazie a una tecnologia proattiva in grado di bloccare i messaggi indesiderati e non richiesti. eTrust Anti-Spam crea e gestisce in automatico un elenco dei mittenti approvati, consentendo agli utenti di visualizzare e usare senza problemi la posta elettronica. Tra le altre importanti funzionalità e novità di questa soluzione: protezione antifrodea prova di spoofing” che verifica l’autenticità dei messaggi inviati da singoli mittenti e da società per mezzo di firme digitali standard del settore; meccanismo opzionale di challenge/response che consente agli utenti di verificare che i messaggi messi in quarantena siano stati effettivamente inviati da persone in carne ed ossa anziché da meccanismi automatizzati di spamming; verifica degli eventuali mittenti “accreditati”; supporto di diverse lingue per filtrare correttamente i messaggi di spamming.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore