Cala la pirateria software in Italia

CyberwarSicurezza

Bsa però denuncia ancora una volta che l’Italia è fanalino di coda in Europa in materia di legalità

Il consueto rapporto annunale di Idc per Bsa sulla pirateria software in Italia, mostra un miglioramento del nostro paese. Cala la pirateria software in Italia: nel 2007 mostra una flessione di due punti percentuali in meno e arriva al 49 per cento, mentre a livello mondiale aumenta (anche se passa dal 35 al 38 per cento), soprattutto a causa della crescita dell’illegalità a oriente. Tuttavia Bsa denuncia ancora una volta che l’Italia è fanalino di coda in Europa in materia di legalità, superata solo da Grecia e Cipro. L’Italia però, seppur a piccoli passi, migliora: è passata dal 53% del 2005, al 51% del 2006, al 49% del 2007. Manca ancora una cultura della legalità software, ma la pirateria sta scendendo. L’analisi di Idc coinvolge 108 paesi. Secondo Bsa le perdite a livello mondiale ammontano a 48 miliardi di dollari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore