Caldera abdica a favore di Sco

Management

È una delle rare occasioni in cui il nome dellacquirente scompare per lasciare spazio al nome della società acquisita. Di fatto il nuovo brand stabilisce il primato della popolarità di Sco rispetto a Caldera.

Caldera International, membro fondatore di UnitedLinux, ha cambiato il nome in Sco Group; secondo alcuni analisti ci indica che, malgrado le credenziali Linux di Caldera, buona parte delle sue entrate derivano da Unix. Caldera, che ha sede nello Utah, distribuisce due popolari versioni di Sco Unix – OpenServer e UnixWare – che ha acquisito nel 2000. La societ distribuisce anche Linux ed un membro dellassociazione UnitedLinux che intende promuovere una versione uniforme del sistema operativo destinata alle aziende. La coesistenza e collaborazione dei sistemi Unix e Linux da una singola sorgente offre ai nostri clienti una completa scelta di soluzioni, supportata da un nome (Sco) che alimenta milioni di server in tutto il mondo, afferma Darl McBride, attuale chief executive di Sco. Secondo gli analisti, questo cambiamento di nome riflette alcuni semplici elementi economici del mercato circa il 95 per cento delle entrate di Caldera deriva dai prodotti Unix, non da Linux. In questo momento si tratta realmente di una societ Unix, non di una societ Linux, afferma Al Gillen, analista di Idc (International Data Corporation). I sistemi operativi Unix di Sco (Santa Cruz Operation) sono da tempo i preferiti dai fedeli di Unix. Questa mossa fa di Caldera lultimo produttore di software che passa a una denominazione aziendale maggiormente familiare per i clienti nel tentativo di ottenere un riconoscimento pi ampio. Linux, pur migliorando a livello di popolarit, viene usato principalmente su potenti computer server collegati in rete – ma non sui desktop e i laptop usati dallutente medio. I profitti derivanti da questo sistema operativo si sono dimostrati piuttosto sfuggenti. Liniziativa UnitedLinux, che stata lanciata da varie societ Linux di secondo livello, viene diffusamente considerata come un tentativo di competere per la massa critica nei confronti del leader del mercato Red Hat. Red Hat ha senza dubbio la leadership a livello di marchio – riconosciamo che Red Hat viene percepito come il leader del mercato, afferma Reg Broughton, senior vice president of worldwide operation di Sco. Riteniamo tuttavia che il consorzio UnitedLinux potr superare Red Hat in breve tempo. Gillen non per daccordo con questaffermazione. Il cambiamento di nome serve a qualcosa relativamente alla loro posizione con Red Hat? Penso che la risposta a questa domanda sia no. In effetti, se non altro, ci allontana ulteriormente lazienda dalla posizione di produttore Linux e la spinge di pi nel campo Unix. Secondo Broughton, Linux non comunque destinato a soppiantare Unix Non si manifestata nessuna sostituzione di sistemi Unix con sistemi Linux, n quello di Red Hat n il nostro Linux.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore