Cambio al vertice di Ibm Italia

Aziende

Elio Catania va a Trenitalia e Andrea Pontremoli lo sostituisce nella carica di presidente e amministratore delegato in Ibm Italia.

Una vita all’interno dell’azienda. In questa sola frase si potrebbero compendiare le qualità del nuovo presidente e amministratore delegato di Ibm Italia, Andrea Pontremoli. Entrato nella multinazionale nel 1981 ne ha percorso tutti i gradini, assumendo, via via, sempre maggiori responsabilità. Nel 1996 faceva parte del gruppo che portò a Ibm Global Services Italia, fino al 1997 ricoperse la carica di Director Integrated Technology Service per l’Italia, nel 1997 assume la carica di Vice President Integrated Technology Services con responsabilità anche dei mercati del sud Europa. Nel 1999 è trasferito a Parigi, dov’è promosso general manager Its Emea. Pontremoli, che ha 46 anni, è sostituito, al vertice della Global Service, di cui era vice presidente, da Gianni Camisa. In Ibm, c’è da registrare anche un altro cambiamento, e cioè il ritorno di Massimo Bramati, nominato responsabile di business consulting services. Bramati ha lavorato nella filiale italiana per lungo tempo, poi aveva assunto la carica di amministratore delegato in Tc Sistema, di cui era anche azionista. Ora il suo ritorno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore