Canalys, Apple Watch vince la battaglia sui wearable

AziendeDispositivi mobiliMobility

Il mercato degli Apple Watch cresce di oltre il 50 percento anno su anno. Nessuno dei competitori in ambito wearable è riuscito a fare meglio. Premiata la Serie 3 nell’ultimo trimestre del 2017

Nel 2017 le consegne di Apple Watch al canale hanno superato le aspettative raggiungendo il traguardo di 18 milioni di pezzi consegnati nel 2017. Si tratta di una crescita del 54 percento rispetto al 2016. Il successo sarebbe legato proprio alle caratteristiche della Serie 3.

Di questa serie sono stati consegnati da Apple 9 milioni di pezzi, che rappresentano circa la metà delle consegne. L’ottima performance di Apple arriva soprattutto dall’ultimo trimestre, nel quale Apple ha visto crescere gli invi sul mercato di oltre il 32 percento rispetto allo stesso trimestre del 2016 al punto da toccare quota 8 milioni. Un risultato che secondo Canalys è ad oggi del tutto ineguagliato da qualsiasi vendor nel mercato wearable.

Apple Watch – I record del 2017

Non interessa il mercato italiano, ma la versione con la connettività “cellular” LTE è stata molto apprezzata negli Usa, in Giappone e in Australia, disponibile con gli operatori giusto per il periodo delle festività, è piaciuta al punto da raddoppiare le vendite trimestre su trimestre per 1,6 milioni di pezzi. Diverso è quanto accaduto in Europa.

Per esempio in UK, in Germania e in Francia Apple Watch Lte non è stato disponibile con tutti gli operatori, influenzando almeno parzialmente la scelta, non solo. In altri Paesi come il nostro non è del tutto disponibile. 

Apple Watch Series 3 è migliorato rispetto alla versione precedente anche riguardo l’autonomia (che ora permette di affrontare praticamente due giornate di lavoro), un fattore critico per gli smartwatch, dove la maggior parte dei vendor, pur con caratteristiche diverse di prodotto, hanno fatto meglio. Dati alla mano resta che come nel comparto dei tablet, anche in quello degli orologi intelligenti Apple riesce a farsi invidiare, almeno per i risultati raggiunti, non ha modificato in nulla form factor (come invece hanno fatto i competitor), attenta solo ai miglioramenti anche applicativi, una scelta che ha pagato.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore