Canalys mette sotto la lente i negozi di apps

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Ofcom: Metà delle apps scaricate, non viene usata

Solo 25 sviluppatori di apps si spartiscono il fatturato di mezzo App store e Google Play. I dati del mercato apps visti da Canalys

Canalys fotografa gli application store, i “negozi virtuali” di terze parti che mettono in vendita o in download gratuito le apps per smartphone e tablet. Dalla ricerca di Canalys risulta che App Store e Google Play offrono, rispettivamente, un milione di apps lo store di Apple e 700.000 applicazioni lo store di Android. Eppure a dividersi la torta, sono in pochissimi: soltanto 25 sviluppatori si spartiscono il fatturato di mezzo App store. Mezza torta in 25 developer: tutti Big del calibro di Disney, Electronic Arts, Gameloft, Glu, Kabam, Rovio, Storm8 e Zynga. Canalys ha scoperto che 145 delle 300 top apps su Apple App Store erano giochi nel periodi di prova (sample), mentre lo stesso format conquistava 116 delle 300 top apps su Google Play. Unica eccezione nella classifica dei più scaricati è Pandora, con la sua popolare app Pandora Radio che offre un servizio di musica personalizzato.

Canalys: 25 sviluppatori di apps si spartiscono i ricavi di mezzo App store
Canalys: 25 sviluppatori di apps si spartiscono i ricavi di mezzo App store

Nella maggior parte degli altri casi, secondo la società d’analisi Canalys, il vendor di giochi top-selling domina l’hit-parade offrendo molteplici prodotti attraverso l’app stores, per fidelizzare e rafforzare i propri brand. Un esempio? Rovio. La startup finlandese vende otto differenti varianti del suo franchisedi successo Angry Birds attraverso Google Play store, oltre a spinoff come Bad Piggies. Electronic Arts (EA) pubblica 962 giochi per la piattaforma iOS, sia sotto il suo brand che usando il brand delle sussidiarie. “Nella stagione natalizia in corso, prevediamo che gli sviluppatori di giochi applichino sconti e offerte speciali, grazie al vantaggio e alla loro capacità di effettuare promozioni incrociate con i loro portafogli di apps,” spiega l’analista principale di Canalys, Chris Jones. “Ciò dovrebbe assicurare la coferma del dominio dei game developers negli USA“. Chi non ha un forte brand, fatica ad imporre la propria presenza negli application store. Chi non può fare affidamento sul brand deve sperare nella “discoverability”, e dunque nella fortuna. Secondo Canalys, le piccole aziende – e soprattutto chi non si occupa di videogiochi – dovrebbe esplorare altre strade per un marketing efficace: dagli sconti al brand tie-ins, dalla promozione sui Social network fino all‘advertising in-app. La buona notizia, però, è che sta crescendo il mercato delle apps a paganmento. E, anche se iOS mantiene il dominio, Google Play accelera. I ricavi da apps su App Store per iPhone sono in crescita del 12.9% (fra gennaio ed ottobre 2012), mentre il fatturato da Google Play  è triplicato nello stesso periodo.

Conosci Apple? Misurati con un QUIZ!

– Sai tutto di Google? Mettiti alla prova con un QUIZ!

Vuoi partecipare alla ricerca NetMediaEurope: quali i processi di acquisto per l’IT? In palio c’è un elicottero AR Drone!

– Leggi anche TechWeek Europe: L’App Store di Apple ha un distacco enorme di fatturato su Google Play, ma in riduzione

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore