Canon Eos 100D, reflex compatta ed economica di pregio

AccessoriWorkspace
0 0 Non ci sono commenti

Massima portabilità, ma soluzioni di fascia alta per Canon Eos 100D a un prezzo equilibrato

Presentata questa primavera, e in mainstream da qualche mese, Canon Eos 100D è una fotocamera reflex compatta che si distingue proprio per la sua massima portabilità, a fronte di caratteristiche tecniche per tanti versi al top. Per questo piace a un pubblico trasversale, che va dall’utente prosumer, come agli utenti che cercano una soluzione semplice.

La possibilità di infilarla anche in borsa senza pesare, la rende gradita in particolare al pubblico femminile. Tutto a un prezzo inferiore ai 600 euro, mentre se si sceglie il kit con obiettivo EF-S 18-55 (f3.5-5.6) si trova a circa 70 euro in più. L’innesto obiettivi è il classico EF/EF-S.

Canon Eos 100D
Canon Eos 100D

Entriamo nei dettagli. Canon Eos 100D pesa appena 400 grammi, con un ingombro massimo in larghezza di 11,7 cm, per 7 cm di profondità e appena 9 cm di altezza. Il sensore (CMOS 22,3 x 14,9 mm) da 18 megapixel integra il sensore di pulizia e il processore è l’apprezzato Digic 5.

La sensibilità Iso ha una gamma da 100 a 12800 ISO, con la riduzione di uno stop nella modalità AUTO (6400). Canon Eos 100D è in grado di scattare fino a 4 fps e di riprendere video full-hd in formato Mov fino a 30 fps.

Scatti e video sono memorizzati su schede Sd, Sdhc e Sdxc in un unico slot, adiacente alla batteria il cui sportello di accesso è collocato sul fondo della fotocamera. Canon Eos 100D dispone di presa per il microfono esterno, presa mini Hdmi, presa per telecomando e uscita A/V.

Tra i pregi, per questo prezzo e in questo segmento, non si può dimenticare la segnalazione del display touchscreen capacitivo da 3 pollici di diagonale, che leva dagli imbarazzi per un’impostazione veloce dei settaggi.

La messa a fuoco su 9 punti si rivela preciso e veloce, una buona sorpresa, con l’AF ibrido aggiornato (2nd generation).

Canon Eos 100D superiore

Canon ha svolto un ottimo lavoro per quanto riguarda l’ergonomia, disponendo i comandi con un ottimo sfruttamente degli spazi disponibili, per esempio con la disposizione del punto di messa a fuoco quasi sul bordo destro della presa. Gli utenti maturi possono sentire la mancanza di una doppia ghiera, ma è peccato veniale, perché tutte le funzioni di settaggio base sono accessibili con tasti dedicati.

La ghiera superiore permette sia l’impostazione delle modalità di ripresa a priorità di tempi, diaframmi, in Program e manuale, come invece la comoda selezione per Scene oppure in immediata esclusione del flash, A+ e CA (Creativa Automatica). Anche questo è un elemento facilitatore non di poco conto.

Forse è un po’ sacrificato il piccolo jog-shuttle posteriore, con una presa del corpo a tre dita e il pollice che governa i pulsanti sul dorso nella parte destra sono comunque pochi i problemi.

Canon Eos 100D dorso

Canon Eos 100D, impressioni d’uso e giudizio

Per gli ultimi necessari dettagli sulle specifiche di questa macchina rimandiamo in sintesi alla pagina specifica del produttore.

Qui preferiamo concentrarci sulle impressi d’uso dopo un intenso periodo in cui l’abbiamo sfruttata a tutto tondo. Canon Eos 100D sul campo deve imporre qualche attenzione per quanto riguarda gli urti, perché lo chassis in policarbonato non contempla in questo segmento attenzioni del produttore per quanto riguarda tropicalizzazioni di sorta.

Fatta salva questa premessa la qualità dei risultati di scatto soddisferà non solo i neofiti, con pregevole nitidezza fino a sensibilità ISO 1600, quindi in tutto il range normalmente utilizzato. Si possono tranquillamente confrontare i risultati anche con reflex Canon di livello superiore come la 700D. La velocità della messa a fuoco e la precisione anche con luminosità scarsa sono notevoli, per questa fascia di prezzo. Nessun rilievo negativo per quanto riguarda i risultati in relazione ala funzione di bilanciamento del bianco.

Canon Eos 100D, proprio per come è studiata, è la soluzione reflex più comoda utilizzata as-is, con ottiche di focale non troppo spinta, che la sbilancerebbero, ma anche con la certezza di non essere costretti a sacrifici qualitativi. Unico neo la fotografia con flash che ha un numero guida limitato (9.4) e una potenza sacrificata.

La registrazione anche in Raw e la possibilità di impostare preselezioni personalizzate favoriscono chi cerca la cattura rapida dell’immagine, da compatta, ma non vuole precludersi lo studio dello scatto. La piccola batteria di serie permette una giornata di shoot, ma non è da record. Noi consigliamo di avere disponibilità di una batteria di ricambio.

 

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore