Canon PowerShot G1 X Mark II, evoluzione e rivoluzione della specie

AccessoriWorkspace
Canon PowerShot G1 X MarkII_02
0 0 Non ci sono commenti

SLIDESHOW – Più che un’evoluzione, una vera e propria rivoluzione per la compatta PowerShot G1 X Mark II. Ridisegnato il barilotto, potenziata la connettività, un nuovo sensore e una nuova ottica con un appeal sempre più professionale. Anche nel prezzo. In Italia da Maggio

Non si può proprio dire che Canon sia restia al cambiamento. Basta guardare come è stata ‘rivoluzionata’ PowerShot G1 X Mark II, rispetto al modellwo precedente. Con PowerShot G1 X Mark II Canon ha voluto ascoltare alcune delle critiche più ricorrenti al precedente modello, magari esponendosi a diverse criticità. Ma andiamo con ordine. Innanzitutto, per prezzo e segmento PowerShot G1 X Mark II è una proposta per il fotoamatore più evoluto e per il professionista. Pochi dubbi. Basta tenerla in mano pochi istanti, con il suo telaio d’acciaio inox e il rivestimento di alluminio, la fotocamera offre un’ottima presa e si distingue immediatamente dal modello precedente per il barilotto decisamente importante, e per la scomparsa del mirino ottico, che era uno dei punti deboli del modello precedente. Ciò che più conta è però il cambio di sensore con un Canon CMOS tipo 1.5, molto vicino a un formato APS-C sono stati ottenuti i miglioramenti tanto richiesti per la fotografia macro e di ritratto. Mentre la ripresa Macro con il sistema G1 X precedente aveva come limite ca. 20 cm, ora si può fotografare da 5 cm di distanza, non male come miglioramento.

Ora si possono catturare immagini con rapporto predefinito 3:2 a 12,8 megapixel o 4:3 a 13,1 megapixel, permettendo una composizione creativa e una facile integrazione con gli esistenti processi di elaborazione delle reflex. Rispetto al modello, di fascia più bassa PowerShot G16 i pixel sensore sono di circa 4,5 volte più grandi. Dicevamo dell’importanza del barilotto:l’obiettivo è ora molto più luminoso con f/2,0-3,9 di apertura e diaframma a nove lamelle. L’escursione focale è di 24-120 mm (5X). L’inquadratura ora può avvenire solo tramite display elettronico con lo schermo LCD  inclinabile touch-screen capacitivo da 7,5 centimetri (3,0”) è visualizzata l’immagine con profilo colore sRGB, che è identico allo spettro colori catturato e processato. Abbiamo rilevato a nostro giudizio un’eccessiva esposizione delle fascette per il trasporto dei dati, che sono troppo poco protette.

Canon PowerShot G1 X MarkII_03
Canon PowerShot G1 X Mark II

 

Tanta compattezza si paga anche con una flessibilità di utilizzo raggiungibile con l’esposizione di parti meccaniche: vale per il display, vale per il meccanismo flash a scomparsa. Il mirino elettronico che è scomparso si può ‘riavere’ opzionale con l’accessorio EVF-DC1. La fotocamera lavora con il processore DIGIC 6 che fa registrare secondo il produttore una velocità di elaborazione doppia almeno rispetto al precedente DIGIC 5. Si possono registrare filmati full hd in audio stereo, con possibilità di sfruttare tranquillamente lo zoom ottico della fotocamera.

Un comparto particolarmente importante e innovativo è quello delle possibilità di comunicazione e condivisione: è supportato NFC incorporato per tutti i dispositivi che supportano NFC e quindi per una comunicazione ancora più immediata con alcuni smartphone. Così si possono trasferire le immagini semplicemente avvicinando smartphone e fotocamera (pensiamo anche solo ai  Sony Z e Z Ultra da noi provati: una grande comodità), ma si può ovviamente anche sfruttare la connettività WiFi integrata che permetterà anche il controllo da remoto della fotocamera con l’app dedicata.

Unico neo, a parte qualche scelta di design è il prezzo. Questo gioiellino costa 935 euro e sarà disponibile da Maggio.

 

Canon PowerShot G1 X Mark II

Image 1 of 6

Canon PowerShot G1 X Mark II

 

Caratteristiche principali PowerShot G1 X Mark II

  • Grande sensore Canon CMOS tipo 1.5
  • Immagini a 12,8 megapixel (3:2) e riprese multi-aspect2
  • Grande apertura f/2 e ISO 12.800 max
  • Zoom ottico 5x grandangolare da 24mm
  • Processore DIGIC 6 e Intelligent IS
  • 31 zone AiAF e MF Peaking
  • Doppia ghiera di controllo
  • Display inclinabile touch-screen
  • Wi-Fi con scatto remoto e Image Sync
  • File RAW  a 14 bit
  • Mirino elettronico opzionale
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore