Canone Rai per i Pc? Le aziende dicono no

Autorità e normativeAziendeDispositivi mobiliMarketingMercati e FinanzaMobilityNormativa
Canone Rai in bolletta, sotto il milione le richieste di esenzione

In Rete è rivolta da parte delle aziende contro la missiva della RAI che chiede il pagamento del Canone speciale Rai per chi ha Pc, tablet o smartphone. Un salasso da un miliardo di euro

Su Twitter, Facebook e sui blog gli utenti stanno attaccando la RAI, che si è appellata al Regio Decreto del 1938, per chiedere il “canone speciale RAI” a chi possiede PC, smartphone, tablet o addirittura sistemi di videosorveglianza. Le associazioni consumatori denunciano che 5 milioni di imprese e Partite IVA dovrebbero pagare un miliardo di euro alla RAI, per “vedere SanRemo” su Android, iPhone o tablet. Una cifra da infarto in un anno di recessione, e soprattutto in un anno di congiuntura per il mercato IT (vedi dati SIRMI).

Il giallo del canone RAI non è nuovo. L’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori (ADUC) non è mai riuscita a capire esattamente quali apparecchi debbano pagare il canone/tassa oltre alla Tv (a causa di contraddizioni e dubbi interpretativi nel testo della missiva RAI inviata ad aziende e professinisti: un giallo nel giallo, insomma). Ma un‘interrogazione presentata dai senatori Poretti e Perduca è stata posta al ministero dello Sviluppo Economico. Un’azienda debba pagare il canone speciale RAI su smatphone, tablet, iPad, notebook e Pc. Un salasso, da 2mila a 6mila euro per azienda.

Rete Imprese Italia denuncia: “Quella del canone speciale Rai è una richiesta assurda perché vengono “tassati” strumenti come i computer che gli imprenditori utilizzano per lavorare e non certo per guardare i programmi Rai. Tanto più se si considera che il Governo spinge proprio sull’informatizzazione per semplificare il rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione. In questo momento di gravi difficoltà per i nostri imprenditori, di tutto abbiamo bisogno tranne che di un altro onere così pesante e ingiustificato“.
Il senatore Alessio Butti, capogruppo del Pdl nella Commissione di Vigilanza sulla Rai, ha invitato il ministro dello Sviluppo, Passera, a intervenire: “La richiesta del pagamento del canone Rai per aziende e lavoratori autonomi che posseggono pc e tablet costituisce una forzatura normativa riguardo alla quale mi auguro che il governo faccia al più presto chiarezza“.
Mentre il mercato IT registra una flessione di circa 4 punti percentuali nel 2011, chiedere alle aziende di pagare un “canone speciale RAI” per una Tv cxhe non guardano, è controproducente. Un governo, che sta mettendo in piedi l’Agenda Digitale, non può avallare richieste così onerose che mettono i bastoni fra le ruote all’economia digitale.

Dì la tua in Blog Café: Canone Rai sui pc? Ma si scherza?

Canone RAI alle aziende?
Canone RAI alle aziende?
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore