Carl Icahn vuole Yahoo! e Bing insieme

Aziende

Microsoft torna all’offensiva. La riscossa ripartirà con Windows 7 e l’accordo con Yahoo!

Dopo anni passati a giustioficarsi del flop di Vista e dell’assedio di Google, Microsoft sta per abbandonare la difensiva e per tornare all’offensiva. Anche se prima, Microsoft annuncerà probabilmente il primo declino delle vendite annuali nella sua storia.

E la riscossa ripartirà con Windows 7 (in arrivo il 22 ottobre) e l’accordo con Yahoo !. E’ tornato alla ribalta anche Carl Icahn, che l’anno scorso mise sottosopra il board di Yahoo! per avere un posto nel Cda, e contribuire all’addio del Ceo Jerry Yang (a gennaio rimpiazzato da Carol Bartz), dopo il fallimento dell’Opa da 47,5 miliardi di dollari . Icahn preme per un accordo con Yahoo!: “Aumenterebbe il valore se ci fosse un accordo, per via delle sinergie”.

L’altroieri il Ceo di Yahoo!, Carol Bartz, reclamava “una barca di soldi”. Oggi Yahoo! avrebbe già trovato un accordo con Microsoft relativo agli asset della ricerca online e dei banner.

Bing del resto sarebbe (secondo Microsoft) all’8,4% della ricerca online (ma secondo N

et Applications, Google detiene un market share dell’81%, mentre Bing è dietro a Yahoo! con il 5.3% ), e prossimo numero due del mercato. Soprattutto se si integrerà con Yahoo!.

L’offensiva di Microsoft comprende anche quella online (con Office Web), Windows 7 e l’apertura di negozi retail vicino a apple: per dimostrare a tutti I’m a Pc anche fuori dalla pubblicità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore