Carla Masperi (Coo Sap): Competenze e agilità, i requisiti per le aziende

AziendeMarketing
Videointervista a Carla Masperi (Sap)
0 0 Non ci sono commenti

Videointervista – Tra le priorità di Carla Masperi, Coo di Sap, la relazione con il canale, le start up e le università. Tra i sogni l’apertura di un centro di ricerca in Italia sull’onda del nuovo centro francese. Dall’ultima trimestrale l’Italia cresce a tripla cifra

La necessità di lavorare sulle competenze lungo tre direttrici che aiutino a innovare non solo le aziende ma anche il Paese è chiara nelle parole di Carla Masperi, Chief Operating Officer di Sap Italia, che ha fatto della tecnologia uno dei punti fermi del suo percorso professionale. “Le competenze sono il punto da cui partire perché l’economia digitale è fondamentale per accumulare ricchezza e crescita del paese, e permette anche a una piccola e media azienda di emergere. Il requisito non è la grandezza di un’azienda ma la sua agilità, la sua velocità, l’efficacia del modello di business che la può portare anche ad operare a livello mondiale”.

Carla Masperi, Coo di Sap Italia
Carla Masperi, Coo di Sap Italia

Lavorare sulle competenze, significa per Masperi partire coltivando il canale (prima direttrice che punta sugli operatori italiani distribuiti lungo il territorio per portare la tecnologia nelle aziende), le start up (seconda direttrice che spinge l’innovazione in realtà che possono accedere fin da subito alle nuove tecnologie per impostare i modelli di business), le università (terza direttrice che colma il digital divide solo se tra teoria insegnata e tecnologia applica c’è stretta relazione).

La nostra attenzione agli incubatori e alle start up è molto alta, permettendo loro di avvicinarsi alla tecnologia con programmi di incentivazione – spiega nella videointervista Masperi -. A livello europeo c’è carenza di figure professionali che crea un gap tra domanda e offerta. Si stima che manchino 900.000 profili idonei da formare. Lavorare con le università è fondamentale”.

La nuova onda tecnologica – che vede cloud, big data, analitycs e mobility tra i trend a maggior crescita – ha fatto sì che anche in Italia Sap abbia registrato una crescita significativa nell’ultima trimestrale (“Primo paese in Europa con crescita a tre cifre, perché le aziende stanno intravvedendo nel cloud la possibilità di adottare tecnologie avanzate con maggiore flessibilità e a prezzi interessanti”).
Anche i recenti accordi nel segno del cloud con Ibm e Hp (“già  presenti nel mercato dei data center e con i quali possiamo portare innovazione”) e un sogno nel cassetto…. motivati nella videointervista.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore