Carta, misurare per cambiare

Autorità e normative

Ogni anno in Italia si sprecano 50 miliardi di fogli di carta: due milioni di
alberi

Ecco quanto emerso durante l’incontro sulla gestione del documento elettronico organizzato da Siav a Milano, al Museo della scienza e della tecnologia. Ogni anno in Italia si sprecano 50 miliardi di fogli di carta, ovvero due milioni di alberi. Sono impressionanti i dati del Cnipa sullo spreco presentati al convegno organizzato da Siav a Milano sulla dematerializzazione dei documenti e la conservazione sostitutiva. Il 20% delle pagine stampate è immediatamente cestinato: la stampa di 100 miliardi di pagine vale 1,5 miliardi di euro. La v ita media del 30% dei fogli stampati è di 5 minuti. Il passaggio di documenti cartacei in Italia rappresenta almeno il 2% del Pil. Un risparmio anche solo del 10% vale due miliardi di euro. Sono questi i dati con cui si è aperto oggi a Milano, nel corso del convegno organizzato da Siav, l’intervento del professor Pierluigi Ridolfi già componente del Cnipa e presidente della Commissione per la dematerializzazione. Nel convegno si è parlato poi del quadro normativo di base per la dematerializzazione della documentazione amministrativa e fiscale ritenuto completo. E’ in itinere la normativa che riguarda gli altri settori, da quello giudiziario a quello catastale, dall’anagrafe all’ambito sanitario a quello del lavoro. C’è ancora molto da fare nel campo sanitario per la complessità del sistema. E’ necessario il coordinamento delle varie regioni, e va considerata la delicatezza dei procedimenti che toccano la privacy delle persone. A fronte di ciò, al convegno è emersa una forte esigenza da parte delle aziende affinché il quadro normativo sia al più presto completo anche negli altri settori. Le soluzioni digitali disponibili per l’applicazione del quadro normativo sono valide. Inoltre, sta nascendo una nuova figura, quella del responsabile della conservazione sostitutiva, che definisce le caratteristiche e i requisiti del sistema di conservazione in funzione della tipologia di documenti (analogici o informatici) da conservare e verifica periodicamente l’effettiva leggibilità dei documenti conservati. “Si cambia ciò che si misura”: è questo lo slogan lanciato da Siav. A tal proposito Stefano Nalesso, direttore generale della società dice: “Quante persone oggi all’interno di un’azienda sono in grado di determinare in modo preciso quanto tempo è necessario allo svolgimento e al completamento di un processo? La gestione elettronica dei documenti e il business process intelligence consentono una totale trasparenza, il controllo analitico dei processi di business aziendali e la possibilità di misurare l’organizzazione e il lavoro dei cosiddetti colletti bianchi per individuare le inefficienze da correggere”. L’intervento di Gaetano Silipigni, esperto tributario dell’agenzia delle entrate, ha illustrato la normativa e le regole di applicabilità della fatturazione elettronica, la natura del documento informatico, la trasmissione e la conservazione dei documenti con valore fiscale a norma di legge. Sono state poi presentate le esperienze concrete di alcune aziende che hanno adottato un sistema di gestione elettronica dei documenti e presentato l’iter di sviluppo della tecnologia in azienda e i risultati ottenuti: Carglass (che ha ottenuto una riduzione del 20% nel tempo di gestione di ogni pratica), Invatec, Il Sole 24 Ore e Carlo Erba Reagent i.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore