Archivi

La Cina stringe le maglie della censura in Internet

Google non è Internet e il braccio di ferro cinese sulla censura online è lì a dimostrarlo: anche senza Google China la vita online dei 384 milioni di utenti cinesi corre sul Web dinamica e vivace. Tuttavia, nel momento in cui anche Yahoo! segnala violazioni e cyber-intrusioni ai danni degli account di posta di otto giornalisti stranieri, si capisce meglio la portata della tensione fra Usa e Cina. Dopo il semi-addio di Google (mentre i servizi mobili vanno a singhiozzo), hanno fatto le valigie GoDaddy e Network Solutions, mentre Microsoft non ci pensa proprio ad andarsene. La censura online è una contraddizione forte nella Cina dei miracoli economici e del G2. Ma Forrester Research ci ricorda che 2,2 miliardi di utenti online sbarcheranno sul Web entro quattro anni: il 43% sarà asiatico

In Cina la censura colpisce Yahoo!

Account di posta elettronica di Yahoo! bloccati e dirottati. Queste sono le ultime gravi denunce di censura e intrusioni ai danni di giornalisti che lavorano in Cina

Nuovi problemi per Google in Cina

Google e Cina sarebbero di nuovo ai ferri corti, da quando risultano “parzialmente bloccati” altri servizi mobili del motore di ricerca di Mountain View

Google lascerà la Cina il 10 aprile

Il braccio di ferro fra Google e Cina potrebbe risolversi con l’addio del motore di ricerca: il 10 aprile. Il commento del Ceo di Viadeo sulla vicenda cinese di Google