Catene di suicidi in Foxconn, la fabbrica degli iPad

AziendeMarketing

Foxconn ha promesso training psicologici per i dipendenti che daranno segno di instabilità emotiva

Foxconn è la fabbrica dei dispositivi Apple, dall’iPhone all’iPad. Ora Foxconn sta cercando risposte alle dure polemiche di cui è stata investita dopo una serie di suicidi da parte dei suoi lavoratori. Riporta il Financial Times che Foxconn deve capire come mandare avanti le fabbriche in seguito ai suicidi per critiche alle sue pratiche.

Foxconn, che ha una forza lavoro di 300mila dipendenti, avrebbe registrato tre suicidi fra i propri lavoratori a Shenzhen nell’ultimo anno. Ma, secondo indiscrezioni, i suicidi ammonterebbero a otto.

Foxconn produce smartphone, PC, fotocamere digitali e Tv Lcd non solo per Apple, ma anche per Sony, Dell e Nokia. Foxconn è un’azienda che ha fatto della segretezza la sua cifra, tanto che ha raramente apero le porte dei propri stabilimenti e concesso visite esterme agli impianti.

Foxconn ha promesso training psicologici per i dipendenti che daranno segno di instabilità emotiva. Il primo suicidio in FoxConn è avvenuto circa un anno fa. Sun Danyong, un ingegnere, era stato accusato di aver rubato un prototipo di un nuovo iPhone.

China Labor Watch ha parlato di forti pressioni sui lavoratori nelle fabbriche Foxconn.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore