CDC apre Compy Superstore

Aziende

Con l’inaugurazione del primo superstore l’azienda sfida MediaWorld

Oggi 15 settembre 2005 esordisce il primo punto vendita Compy Superstore di CDC a Savignano sul Rubicone (Parco Commerciale Romagna Center), e parte un progetto che prevede lo sviluppo di una catena di punti vendita di tecnologia elettronica di medio grandi dimensioni a copertura dell’intero territorio nazionale. L’investimento previsto nei prossimi 5 anni del piano è pari ad oltre 30 milioni di euro. Cdc entra nel mercato del commercio al dettaglio di elettronica attraverso punti vendita al dettaglio con format di medio-grandi dimensioni (superfici di vendita superiori a 2.000 mq). Il lancio da parte di CDC di una nuova catena di superstore di tecnologia elettronica, dove rivestono assoluta centralità i prodotti IT, si inserisce in un contesto in cui l’attuale mercato dell’elettronica risulta essere sempre più trainato dai prodotti IT a seguito della crescente convergenza del mondo degli elettrodomestici verso l’informatica (TV, video, audio, fotografia, telefonia). Il punto vendita di Savignano rappresenta per CDC il primo passo di un vasto programma di aperture che prevede un investimento complessivo di oltre 30 milioni di euro, escluso eventuali investimenti per acquisto immobili che tendenzialmente non rientrano nella strategia del gruppo. In particolare il piano industriale per il periodo 2005-2009 prevede l’inaugurazione di ulteriori 15 superstore distribuiti su tutto il territorio nazionale. Entro la fine dell’esercizio 2005 saranno aperti due ulteriori punti vendita rispettivamente a Pontedera (Pisa) e Mestre (Venezia). Con la creazione della rete Compy Superstore, CDC intende consolidarsi sul mercato retail affiancando alla rete di negozi Computer Discount specializzati in informatica una catena di superstore con superfici di vendita superiori a 2.000 mq, allargando la propria presenza nell’intero settore dell’elettronica, che nel 2004 in Italia ha registrato un giro d’affari di 17,677 miliardi di euro, in crescita di oltre l’11% rispetto al 2003 (fonte Gfk Panelmarket). L’obiettivo della nuova divisione Superstore è quello di raggiungere il break even di Ebitda già nel 2006, con ricavi a regime compresi tra 200 e 250 milioni di euro. I Compy Superstore si porranno come obiettivo quello di soddisfare i bisogni tecnologici di famiglie, professionisti, piccole e medie imprese, non soltanto nell’ambito dell’Informatica, ma anche nel più vasto mondo della tecnologia digitale: Telefonia, Tv e Home Cinema, Audio, Intrattenimento, Fotografia, Illuminotecnica e altro ancora. Accanto ai prodotti dei principali vendor internazionali, i Compy Superstore potranno anche contare sull’ampia gamma di prodotti a marchio proprio del gruppo CDC composta da Personal Computer desktop, notebook, monitor e accessori, con configurazioni sia per uso professionale che per l’home entertainment, caratterizzati da design e qualità, elevato contenuto tecnologico ed alta affidabilità. I Compy Superstore si inseriranno in questo contesto in un’ottica di sinergia con gli altri canali del Gruppo, capitalizzandone le competenze sviluppate con lo scopo di intercettare nuovi target di consumatori, prevalentemente nei segmenti Consumer e SOHO. “Lo start up del nuovo progetto Superstore nel secondo semestre 2005 e l’ampliamento della nostra offerta in tutte quelle aree convergenti con l’Information Technology ci consentirà di consolidare la nostra presenza nel mercato retail e ampliare la clientela di riferimento” ha dichiarato Giuseppe Diomelli, Presidente e fondatore di Cdc.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore