Cdc Premium T6400

LaptopMobility

Configurazione con un’elevata potenza di calcolo grazie al nuovo processore Pentium 4 con estensioni EM64T

Solito cabinet Cdc, ma contenuto tutto nuovo grazie alla famiglia di processori Intel Pentium 4 6xx con supporto della tecnologia Hyper-Threading. Il Pentium 4 640 ha una frequenza di 3,2 GHz già utilizzata in precedenza da altri modelli, ma differisce per la capacità della cache al secondo livello che è di ben 2 Mbyte, apportando un significativo vantaggio in termini di velocità di elaborazione. La novità di questo processore, oltre al supporto del Execute Disable Bit già introdotto nella famiglia 5xx con estensione J, e che permette di ridurre i rischi derivanti da attacchi di virus, è il supporto alla tecnologia Extended Memory 64 per operare al meglio con i prossimi sistemi operativi a 64 bit. La scheda madre in formato micro Atx con Socket 775 è la Gigabyte GA 8I915P-MF che si basa sul chipset Intel 915P. La scheda mette a disposizione due soli slot Pci, due slot Pci- Express x1 e uno x16 per la scheda grafica. Quest’ultimo è occupato dall’ottima Sapphire Radeon X800 XL e dispone di 256 Mbyte di memoria. Costruita con un processo produttivo a 0,11 micron offre il supporto alle tecnologie Smartshader Hd, Smoothvision Hd e Truform per ottenere una qualità elevata nelle scene 3d. È possibile inoltre collegare contemporaneamente due monitor con una risoluzione massima di 2.048×1.536 pixel. Questa scheda offre un miglior rapporto prezzo/prestazioni rispetto alle schede top di gamma (X850XT PE / XT) contribuendo sostanzialmente a contenere il prezzo complessivo della configurazione in prova. Questi componenti, oltre alla cospicua memoria di sistema composta da due banchi Ddr Pc3200 da 512 Mbyte ciascuno e prodotti da S3+, contribuiscono alle ottime performance ottenute da Premium T6400 in tutte le suite di test che abbiamo eseguito. Vale la pena segnalare gli eccellenti risultati ottenuti con i test 3Dmark 2003/2005 a conferma della buona scelta della scheda grafica. Questo indica l’ottima versatilità della macchina anche con i giochi più esigenti. Come unità di memorizzazione è stato scelto il disco fisso Maxtor da 250 Gbyte con interfaccia Serial Ata e con 8 Mbyte di buffer, e il masterizzatore Lg Gsa-4163B, in grado di scrivere tutti i supporti oggi disponibili compresi quelli a doppio strato con un fattore di velocità che varia da 16x per i Dvd-R (+/-), a 6x per i Dvd-Rw e 8x per i Dvd+Rw, 5x per i Dvd-Ram e 4x per i Dvd+R9. A completare la configurazione segnaliamo la presenza di un lettore di memorie flash in formato 3,5″ e il sistema cordless per tastiera e mouse ottico marchiati Cdc. Mancano invece le casse acustiche. La scheda madre integra inoltre il chip audio Realtek ACL880, che mette a disposizione tutte le uscite necessarie per un sistema sonoro evoluto e i connettori S/Pdif sia per l’ingresso che per l’uscita. Se da un lato la configurazione non ha particolari punti deboli, dobbiamo comunque segnalare che il cabinet utilizzato deve smaltire una notevole quantità di calore e che le temperature in gioco sono relativamente elevate. Comunque il rapporto prezzo/prestazioni è più che equilibrato grazie alle ottime performance ottenute nei test, soprattutto nella sezione grafica e alla buona scelta dei componenti della configurazione hardware. Infine le condizioni di garanzia che comprendono l’assistenza direttamente presso i centri Cdc per i due anni di copertura.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore