Cdp investirà 200 milioni di euro nelle startup

AziendeStart Up
Cdp investirà 200 milioni nelle startup
0 0 Non ci sono commenti

Itatech è una piattaforma nata con l’obiettivo di “valorizzare e trasformare innovazioni tecnico scientifiche pubbliche e private in nuove imprese ad elevato contenuto tecnologico”. L’investimento di Cdp nelle startup

La Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) investirà 200 milioni di euro nelle startup. La Cdp non agisce come un venture capitalist, ma Itatech è una piattaforma nata con l’obiettivo di “valorizzare e trasformare innovazioni tecnico scientifiche pubbliche e private in nuove imprese ad elevato contenuto tecnologico”.

Cdp investirà 200 milioni nelle startup
Cdp investirà 200 milioni nelle startup

L’investimento da 200 milioni di euro rientra nel Piano Junker per l’economia e s’inquadra nel nuovo piano industriale di Cdp, in qualità di Istituto Nazionale di Promozione. Cento milioni di euro provengono da Cdp e altrettanti dal Fondo Europeo per gli Investimenti.

Itatech si propone come marketplace ovvero una piattaforma di private equity, dove i progetti di ricerca sviluppati in università, distretti, centri di ricerca, startup incontrano chi è disposto ad investire e a trasformare i progetti in business.

Gli stakeholder chiave della piattaforma – sottolinea il gruppo Cdp – sono rappresentati da soggetti pubblici e privati attivi nel technology transfer, quali università, centri di ricerca, Uffici di Trasferimento Tecnologico (UTT), startup e investitori in early-stage. I target d’investimento sono tutti i progetti ad elevato contenuto tecnologico e innovativo con focus su settori specifici in cui l’Italia eccelle e per i quali vi è un forte interesse da parte delle imprese e del mondo del business in generale”.

A fine settembre le startup si attestavano a 6.363 unità nel Registro delle Imprese: hanno registrato una crescita del 7,07%, pari a 420 unità rispetto a fine giugno. Dal punto di vista geografico, svetta al primo posto la Lombardia, forte di 1.382 startup innovative, con oltre il 20% del totale nazionale. Ma il Trentino-Alto Adige si distingue come regione con la più alta percentuale di startup in rapporto alle società di capitali presenti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore