C’è un’app per segnalare l’abbandono dei rifiuti nella Terra dei Fuochi

Autorità e normativeGovernanceSorveglianza

TechMobile ha sviluppato l’app di Sma Campania per il monitoraggio e la protezione del territorio nella Terra dei Fuochi. 6500 download e un buon esempio di strumento per favorire la ‘cittadinanza attiva’

TechMobile  ha sviluppato l’app gratuita Sma Campania per la società della Regione che si occupa della tutela del territorio. L’app in verità è stata pubblicata circa un anno fa su Apple Store e Google Play (non esiste la versione per gli smartphone Windows invece) e in questo anno di utilizzo ha registrato un’impennata di download da parte delle istituzioni e della cittadinanza. Nata come strumento specifico per la segnalazione degli incendi boschivi, l’app ora permette la denuncia di discariche abusive, l’incendio dei rifiuti e il monitoraggio di attività illecite.

Il suo utilizzo ha evidenziato quindi i benefici come strumento gratuito  di monitoraggio e segnalazione delle alterazioni ambientali, con il valore aggiunto di permettere ai cittadini di sentirsi utili nella protezione del proprio territorio, in particolare nella Terra dei Fuochi, proprio come strumento per la ‘cittadinanza attiva’.

L'app di Sma Campania
L’app di Sma Campania

Le installazioni attive sono circa il 40 percento sul totale di 6500 download (4mila su Android e 1500 Apple Store). Di questi circa 700 sono dipendenti Sma Campania, della sede regionale della Protezione Civile o personale dell’Esercito. Il totale delle segnalazioni ad oggi è di circa 7600, praticamente una per download.

Raffaele Scognamiglio, AD di Sma Campania, evidenzia il percorso ‘storico’ dell’app: “La prima implementazione è avvenuta con una versione utilizzabile solo dai dipendenti, poi ne abbiamo esteso l’utilizzo a tutti”. L’app è stata apprezzata perché facile da usare, ma evidenzia anche le sue qualità nel fornire informazioni precise al DSS di Sma Campania – il Decision Support System dell’azienda.

L’app richiede la compilazione di pochi dati per il riconoscimento, e di scattare la foto del fenomeno osservato, la segnalazione è inviata al DSS, l’azienda procede con la verifica ulteriore mettendo in contatto il Centro Operativo e l’utente e infine la segnalazione viene inoltrata all’unità di pronto intervento.  

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore