CeBIT 2014 – Canonical: Ubuntu Mobile non sfida iPhone

ManagementMarketingWorkspace
CeBIT 2014 - Canonical spiega la filosofia di Ubuntu su desktop e Mobile
3 0 Non ci sono commenti

Al CeBit il Ceo di Canonical Mark Shuttleworth ha svelato la sua visione di converged computing che vedrà l’esperienza simil-Pc attraverso una multitudine di form factor, potenziata da un singolo dispositivo o “cervello”. Ubuntu Mobile in video

Al Cebit 2014 Canonical, dopo la presentazione a MWC 2014, ha messo in vetrina Ubuntu Mobile. Secondo il Ceo di Canonical, Mark Shuttleworth, Ubuntu Mobile non sfida iPhone, i cui utenti hanno un attaccamento emotivo al loro device Apple, ma può catalizzare l’attenzione degli utenti di Android e degli sviluppatori interessati alla convergenza del computing e al Free software. Shuttleworth ha svelato la sua visione di converged computing che vedrà l’esperienza simil-Pc attraverso una multitudine di form factor, potenziata da un singolo dispositivo o “cervello”. Google potrebbe valutare Ubuntu Mobile come opportunità, e non come un mero concorrente, per portare i suoi servizi su Linux mobile. Il converged computing è destinato ad attrarre sviluppatori, per creare apps per molteplici dispositivi in una volta sola. Inoltre Ubuntu Mobile sarà più semplice d’uso di Android.

Infatti Canonical vuole portare Ubuntu, la popolare distribuzione di Gnu/Linux in ambito Mobile, e proprio nel momento in cui il mercato  rallenta la crescita (dopo aver superato il primo miliardo di smartphone venduti), ha bisogno di vere novità. Linux resta linux, stesso sistema, ma driver grafici dedicati per i dispositivi mobili e interfaccia touch. Oltre alla cinese Meizu, anche l’europea BQ costruirà entro fine anno una versione di Ubuntu phone. Shuttleworth punta a rilasciare 50 applicazioni Top su Ubuntu entro la fine dell’anno: e sono già stati contattati Evernote, LastPass e Grooveshark. Nuovi vendor debutteranno a partire dal 2015.

CeBIT 2014 - Canonical: Ubuntu Mobile non sfida iPhone
CeBIT 2014 – Canonical: Ubuntu Mobile non sfida iPhone

Lo smartphone Canonical Ubuntu sarà disponibile anche in Italia nella fascia ultraeconomica. I primi dispositivi arriveranno a scaffale nella seconda metà dell’anno. Punti di forza degli Ubuntu phone sarà il design, caratterizzato da: interfaccia personalizzata e centrata intorno ai contenuti digitali; accesso rapido alle applicazioni e funzionalità preferite; accesso diretto ai contenuti migliori.

Android ha il supporto della maggioranza dei produttori smartphone, mentre  Canonical ha attratto due aziende poco note, ma che hanno il pregio di essere veloci a portare in commercio i prodotti. Shuttleworth ritiene che l’inizio sia buono, con Bq e Meizu.

Canonical avrebbe potuto realizzare i suoi device con la campagna di crowdfunding Ubuntu Edge. Ma Shuttleworth ha detto che il progetto ha dato prova dell’interesse degli utenti verso che cosa si aspettavano da unUbuntu smartphone.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore