Cebit: la crisi si sente

LaptopMobility

Calo nel numero di espositori e visitatori per l’appuntamento di Hannover, che resta importante per rendersi conto dei prossimi trend tecnologici.

Questa del 2003 è stata un’edizione piuttosto atipica per Cebit, la principale manifestazione europea dedicata all’It che si svolge a Hannover. La differenza rispetto agli anni precedenti non consiste tanto nella mancanza di neve, quanto nella riduzione nel numero di espositori e in quello dei visitatori. Il primo giorni i viali sembravano quasi vuoti, sensazione piuttosto strana per chi conosce questa fiera, anche se nei giorni successivi il numero di presenze non sembrava molto diverso dagli scorsi anni. I dati ufficiali di chiusura confermano comunque un calo: gli espositori sono scesi da 7.264 a 6.526, mentre i visitatori sono diminuiti da 674.000 dell’edizione 2002 a 560.000 di quest’anno. Inutile dire che questa riduzione si spiega per la maggior parte con i condizionamenti legati alla crisi irachena. Stando ai bollettini ufficiali sembra però che il numero di ordini sia cresciuto del 10% rispetto alla scorsa edizione. Malgrado ciò, non sono mancati gli spunti per capire in quale direzione si stia muovendo il mercato e quali siano le prossime tecnologie con cui avremo a che fare.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore