Cedacri implementa lo storage con Infinidat

Big DataData
Per 7 italiani su 10 più la banca è hi-tech, più è sicura

CASE HISTORY – Cedacri aggiunge i sistemi storage InfiniBox di Infinidat al proprio data center. Cedacri vuole consolidare il proprio parco storage, garantendosi maggiori affidabilità, flessibilità e dinamicità di crescita

L’outsourcing informatico per il settore bancario non è immune dalla produzione di dati e, quindi, si interroga sia su dove sia su come riporli per poterli utilizzare e analizzare al meglio. E’ il caso di Cedacri che ha deciso di aggiungere i sistemi storage InfiniBox di Infinidat al proprio data center. Non vi è dubbio che con una domanda di memorizzazione e protezione dei dati in costante crescita, il contesto in cui Cedacri opera è competitivo.

L’azienda è infatti alla costante ricerca di nuove soluzioni tecnologiche che permettano di incrementare proporzionalmente il livello di efficienza e di sicurezza dei dati per continuare a garantire lo stesso costo complessivo della soluzione, pur offrendo un perimetro via via sempre più esteso.

Riccardo Facciotti, Tech Sales Director South Europe e Daniela Miranda, ‎Regional Sales Director South Europe Infinidat
Riccardo Facciotti, Tech Sales Director South Europe e Daniela Miranda, ‎Regional Sales Director South Europe Infinidat

E’ per questo che nel mondo dei dati, ma anche in quello dei sistemi, Cedacri ha adottato una soluzione cloud che abbina la flessibilità nelle capacità elaborative con quella nel provisioning della parte storage. Per questo particolare contesto, a seguito di un’attività di scouting sul mercato, Cedacri ha identificato la soluzione di Infinidat come una delle più adeguate da questo punto di vista, anche grazie alla possibilità di completarsi con la soluzione cloud standard tramite protocolli altrettanto standard quali OpenStack.

“La prima esigenza che Cedacri aveva quando ha cercato sul mercato soluzioni storage di nuova generazione era quella di consolidare il proprio parco storage, garantendosi maggiori affidabilità, flessibilità e dinamicità di crescita”, commenta Dario Bonavitacola, Responsabile della Direzione Infrastrutture Tecnologiche, Servizi e Sicurezza del gruppo Cedacri.Oltre al consolidamento avevamo bisogno di una soluzione che fosse gestibile in modo semplice ed efficace da parte degli storage administrator”.

La decisione di scegliere Infinidat è arrivata dopo diversi Proof of Concept (POC), nel corso dei quali la proposta dell’azienda è risultata quella più adeguata allo scopo.
“Uno degli aspetti che abbiamo apprezzato maggiormente e che ci ha spinti ad acquistare Infinibox sono state la filosofia software-defined storage e la capacità di scalabilità che questo sistema ha dimostrato”, aggiunge Alessandro Spigaroli, Responsabile Area Progettazione Sistemi e Innovazione Tecnologica in Cedacri.

Con prestazioni superiori al milione di IOPS, latenza inferiore al millisecondo, compressione inline, funzionalità avanzate di analisi delle performance, supporto iSCSI e scalabilità oltre i 5 Petabyte di effettiva capacità storage in un unico rack standard 42U, i sistemi InfiniBox rappresentano una soluzione di storage ibrido con prestazioni di livello all-flash.
Cedacri ha acquistato due box Infinidat sui quali sono state attestate la soluzione Cloud, alcune applicazioni VMware, ed una parte di data warehouse.

L’implementazione è stata veramente molto rapida e in due settimane le macchine erano completamente operative sull’ambiente di produzione. Anche gli storage administrator hanno beneficiato dell’adozione della soluzione Infinidat grazie, in particolare, all’utilizzo dei sistemi integrati Host PowerTools che permettono una gestione estremamente facilitata di soluzioni come VMware. La flessibilità dei sistemi Infinibox è elevata e ci permette, per i servizi attestati su questi sistemi, di essere molto reattivi nel momento in cui Cedacri acquisisce nuovi clienti”, conclude Spigaroli. “Grazie all’architettura tecnica implementata dagli Infinibox siamo oggi in grado di erogare il servizio al 100% dell’uptime”.