Cellulari protetti contro i furti

NetworkProvider e servizi Internet

Gli operatori stanno per attivare un servizio che blocca automaticamente
gli apparecchi rubati, rendendoli inutilizzabili.

Grazie a un numero di serie, che identifica ogni telefono cellulare, gli operatori potranno bloccare gli apparecchi rubati, rendendo così impossibile il loro utilizzo. Questo anche nel caso venga cambiata la carta Sim e variata la campagnia telefonica. Il servizio verrà attivato a partire dal prossimo 30 giugno da tutti gli operatori di telefonia, come Tim, Vodafone, H3G e Wind. La notizia arriva dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ed era anche molto attesa, visto la forte incidenza dei furti dei cellulari. Si parla di circa un milione di apparecchi rubati ogni anno. Di fatto ogni apparecchio dispone di un codice Imei (International mobile equipment identity number), cioè di un numero a 15 cifre, che lo identifica. In genere si trova sulla batteria. E’ proprio attraverso questo codice che sarà possibile bloccare il telefono. Dopo il furto, il proprietario dell’apparecchio rubato deve chiamare il suo operatore e comunicare il codice Imei. L’operatore provvederà a bloccare il telefono, che quindi non potrà più essere usato. Almeno in Italia, mentre invece il blocco non viene attivato all’estero. E se non ci siamo ricordati di segnare il codice da qualche parte? Niente paura. Sarà ancora possibile rintracciare il codice attraverso il traffico effettuato negli ultimi giorni, ricordandosi almeno quattro numeri chiamati recentemente.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore