Censura, l’apertura di Google China vista dalle società di analisi

Aziende

Gli analisti mettono sotto la lente la mossa a sorpresa di Google.cn, la versione cinese di Google, che ha tolto la censura ai risultati di ricerca online

Google China ha sempre obbedito alle leggi cinesi in tema di censura online, pur di sedere al tavolo del mercato Internet più popolato al mondo, con 350 milioni di internauti in un unico paese. Ma adesso ha detto basta. Ma cosa rischia Google davvero?

Nel pre-borsa a Wall Street Google segna un ribasso dell’1,9% a 579,31 dollari, mentre Baidu balza del 15,3% a 445,79.

Nel 2009 il motore di ricerca Baidu.com gestiva il 62% delle ricerche online in Cina contro il 29% di Google China. Secondo Analysys International, Google detiene il 31.3% dei ricavi del mercato cinese contro il 63.9% di Baidu ( fonte: Wall Street Journal ).

Se Google venisse espulsa dal mercato cinese, la perdita sarebbe immateriale: Google China fattura meno di 600 milioni di dollari, secondo Jp Morgan, una frazione rispetto ai 22 miliardi di dollari di ricavi annuali di Google.

John Pescatore della società di analisi Gartner afferma che i cinesi hanno sponsorizzato cyber-attacchi per anni (la scusa adottata da Google per gridare allo stop della censura online), e Google non dovrebbe esserne sorpresa: quindi, c’è qualcosa sotto (fonte: The Inquirer ). Gartner parla di casus belli e punta il dito alle critiche sull a fragilità del cloud computing di Google, bucato dai cinesi senza pietà:Google ha usato la “politica” per spostare l’attenzione dai suoi problemi di sicurezza nel mercato Saas ?

Anche Collins Stewart chiede maggiore blindatura per il cloud computing: Gmail ha adesso aggiunto l’Https e la cifratura all’e-mail in transito (per evitare intercettazioni da parte di terze parti), ma 170 milioni di utenti di Gmail (fonte: comScore) devono ricevere più assicurazioni.

Inoltre Samsung Securities guarda all’impatto della mossa di Google su Android: per China Mobile lo sviluppo di Android potrebbe risentire dell’assenza dell’eco-sistema di un partner come Google sui Google-fonini.

Infine BNP Paribas giudica una perdita l’uscita di scena di Google in Cina: Baiduguadagnerà ancora quote di mercato, lasciando agli altri le briciole, ma il mercato rallenterà.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore