Censura, Msn finisce nel Porno crackdown cinese

Management

Pechino sbarra 91 siti Web e include Msn nella lista dei siti porno

La Cina chiude i battenti a ben 91 siti Web, in una nuova ondata di censura online. Pechino sbarra tanti siti Internet, compreso uno di dissidenti, in una nuova campagna contro la volgarità.

La Cina include Msn nella lista dei siti porno: la nuova offensiva moralizzatrice online del governo cinese è infatti una raffica che non risparmia

neanche il sito di Microsoft, Msn. Lo riferisce Ap reports .

Settimana scorsa, Pechino aveva spedito missive a 17 soggetti, compresi Google e Baidu, per evitare di finire in questa nuova censura a raffica.

Google e Tom Online (la joint venture cinese di Skype) si sono scusate e hanno iniziato a ripulire i loro spazi Web, per evitare di finire sotto la mannai cinese.

Forse Msn (mentre Microsoft siglava un accordo IpTv con la Tv cinese) non ha fatto in tempo?

Secondo gli esperti dell’ex celeste impero, il 2009 sarà un anno di forte giro di vite contro le libertà online in Cina, a causa degli anniversari della rivolta di Tienanmen del 1989 e di quella Tibetana del ’59.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore