Il Ceo Tim Cook va in Cina, dopo l’attacco a iCloud

AziendeMarketing
Il Ceo Tim Cook va in Cina, dopo l'attacco a iCloud
0 0 Non ci sono commenti

Il Ceo di Apple TimCook è in Cina, dopo il cyber attacco a iCloud. Focus a privacy e sicurezza

Il Ceo di Apple, Tim Cook, si è recato in Cina, dopo il grave cyber attacco a iCloud, per parlare con le autorità ufficiali di Pechino di temi scottanti quali la sicurezza IT e la privacy online. La Cina sarebbe dietro al cyber attacco a Apple iCloud: Pechino ha negato gli addebiti, ma F-Secure ritiene che ci siano le prove del coinvolgimento cinese. Apple ha suggerito raccomandazioni  per evitare il phishing su iCloud e non solo, a questo indirizzo.

Cook ha incontrato il Vice Premier cinese Ma Kai, per cercare di distendere le relazioni fra Cupertino e Pechino. Cook ha tenuto un colloquio molto franco, anche se non ha divulgato i dettagli all’agenzia Xinhua. Del resto, per Apple la Cina rappresenta il secondo mercato di iPhone, dopo gli USA: Apple ha venduto 39.3 miioni di iPhone, in crescita del 16%; lo smartphone della Mela rappresenta metà del giro d’affari del colosso di Cupertino.

Le quote di mercato di Apple sono scese dal 17.5% al 15.3%. Lo riporta la società d’analisi Strategy Analytics. A erodere market share a Apple e Samsung sono stati i competitor cinesi come Huawei, che mantiene saldo il 4.7% (percentuale invariata rispetto a un anno fa) e Lenovo, fresca dell’acquisizione di Motorola Mobility, in ascesa, dal 3.9% al 4.7%.

Apple, che conta già 15 store in Cina, ne aprirà altri 25 nell’arco del prossimo biennio.

Il Ceo Tim Cook va in Cina, dopo l'attacco a iCloud
Il Ceo Tim Cook va in Cina, dopo l’attacco a iCloud
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore