Cercare su Google tiene in allenamento i neuroni

Workspace

Al cervello e alla memoria fa bene svolgere ricerche su Internet

Forse non servirà a fermare malattie neurologiche legate all’invecchiamento o a prevenire l’Alzheimer, tuttavia, secondo gli scienziati della University of California di Los Angeles, svolgere ricerche online fa bene al cervello e aiuta a tenere in esercizio la memoria.

Quel che abbiamo riscontrato è che le persone che hanno esperienza di Internet usano una parte maggiore del proprio cervello nel corso della ricerca“, ha affermato un esperto Ucla dell’invecchiamento in un’intervista telefonica a Reuters.

La ricerca in Rete è stata simulata durante un esame al cervello a 24 persone tra i 55 e i 76 anni, monitorato con un dispositivo per la risonanza magnetica.

Per prevenire l’invecchiamento del cervello, fanno bene anche giochi come i Puzzle, ma cercare su Internet ha una marcia in più: “Abbiamo osservato che nel leggere un libro viene attivata la corteccia visuale, la parte del cervello che controlla la lettura ed il linguaggio. Nel fare ricerca su Internet c’è un’attività molto maggiore ma solo nel gruppo che ha esperienza di Internet“. Quindi, l’alfabetizzazione telematica della terza età è un dovere per evitare l’atrofia e la riduzione delle capacità cognitive oltre una certta età.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore