CES 2015 – Qualcomm spazia dalle auto connesse alla Wearable Tech

ComponentiMarketingWorkspace
Qualcomm non si separa e mantiene l'attuale struttura
0 0 Non ci sono commenti

Qualcomm ha presentato l’auto connessa, che risponde a comandi vocali e gestuali. In ambito Wearable Tech, Qualcomm ammette che il settore è in fase nascente

Al CES 2015 Qualcomm ha presentato l’auto connessa, che risponde a comandi vocali e gestuali. La tecnologia Qualcomm per la connettività a bordo si combina con il processore dedicato all’automotive Snapdragon 602A, al modem wireless Gobi 2G/4G Lte, al modulo Wi-Fi e Bluetooth e a una rete Gnss con modulo antenna integrato. La soluzione di Qualcomm è salita su due prototipi: il modello 2015 di Maserati Quattroporte Gts e il modello 2015 della Cadillac Xts.

Cadillac monta a bordo il supporto per Android e uno schermo ad alta risoluzione per info-tainment (anche per la navigazione, lo streaming live degli eventi sportivi e delle notizie attraverso il sistema di LTE-Broadcast), oltre alle funzionalità di guida sicura a partire dal riconoscimento gestuale e i sistema anti-distrazione.

Il prototipo Maserati ha pre-integrato il supporto all’ultima versione del sistema operativo Qnx Neutrino e per la piattaforma di infotainmente Qnx Car (grazie al chip Snapdragon) di Qnx Software System, la controllata di BlackBerry di cui Qualcomm è partner. Il software mette insieme sistemi di assistenza alla guida (velocità raccomandata, allarme incidente e park assist)  e infotainment con un’interfaccia utente con controllo gestuale e riconoscimento vocale. Non manca il modulo di connettività 4G/LTE multimode.

Qualcomm al CES 2015
Qualcomm al CES 2015

Ma non c’è solo l’automotive nella proposta di Qualcomm. L’azienda ha presentato il processore Snapdragon 810 con supporto alla trasmissione di contenuti 4K con la tecnologia LTE Broadcast.

Inoltre AllPlay rappresenta la piattaforma smart media di Qualcomm che sfrutta lo streaming. AllPlay, basata su software opensourse AllJoin, consente di ascoltare la musica in streaming direttamente dagli altoparlanti e senza usare lo smartphone.

Infine, in ambito Wearable, Qualcomm ammette che il settore è in fase nascente. Siamo ancora all’infanzia della tecnologia da indossare, in cui si esplorano le funzionalità e i form factor. Nei prossimi anni il mecato si consoliderà, ma già si può dire chele apps legate alla Salute traineranno i dispositivi relativi all’e-health. Oggi Qualcomm è salito su 15 device da indossare in 30 Paesi.

La sussidiaria Qualcomm Atheros sta collaborando con LIFX per piattaforme di illuminazione smart basate sul WiFi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore