Chiavette Usb e Dvd entrano nel paniere dell’Istat

Autorità e normative

Il paniere dell’Istat si aggiorna per calcolare l’inflazione, anche nell’era digitale. Nel famoso paniere non ci sono più solo beni di prima necessità, ma anche gadget tecnologici come le chiavette Usb, i netbook, le tariffe Dsl e i film Dvd

Il paniere dell’Istat, nel passaggio dell’euro, finì nel mirino delle associazioni consumatori e di tanti privati cittadini, accusato di non accertare l'”inflazione reale”, perché non al passo coi tempi. Da qualche stagione, l’Istat si è svecchiato, e ha dato spazio alla nuova spesa degli italiani: uno shopping anche hi-tech, e non solo composto di pane, vino, frutta e verdura.

Nel famoso paniere non ci sono più solo beni di prima necessità, ma vi entrano anche gadget tecnologici come le chiavette Usb e i film Dvd.

L’anno scorso era toccato a Gps e giochi per console: allora scrivevamo che il paniere dell’Istat si orientava “sempre di più a monitorare l’andamento dei prezzi dei gruppi di prodotti, verso una direzione definita in sede internazionale in ambito Ue“.

Per i film in Dvd, si tratta di una scelta quanto meno singolare: il mercato Dvd è da tempo messo in difficoltà dalla pirateria digitale.

L’Istat ha perfino scoperto i netbook (i laptop low-cost), che stanno trainando il segmento notebook anche in Italia. Infine nel capitolo Servizi di telefonia fissa ora anche sono anche incluse le “Tariffe inerenti tecnologie d i tipo DSL“.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore