Chrome è un quarto più veloce di un anno fa

ManagementMarketingNetwork
Chrome permetterà di ripristinare le impostazioni di default

Il browser di Google considera la stabilità una priorità, ma scommette anche sulla velocità. Più privacy e Do not track su Chrome 23. Jam With Chrome sfida GarageBand su browser

Chrome ha messo il turbo, diventando il 26% più veloce di un anno fa. Il browser di Google considera la stabilità una priorità, ma scommette anche sulla velocità. E il JavaScript benchmark dà ragione a Chrome. Lo scrive Toon Verwaest di Google in un post sul blog. Gli sforzi di Google non sono solo concentrati nel migliorare JavaScript, ma anche nelle recenti mosse per aumentare il tempo di startup. Chrome, giunto all’edizione 23, ha introdotto varie migliorie, relativamente alla decodifica video, al risparmio energetico e sotto il profilo privacy e sicurezza. Dal punto di vista del consumo energetico, Chrome 23 occupa in misura minore la GPU, dunque dura di più la batteria di un portatile di circa il 25%. Chrome 23 spposa anche le specifiche “Do Not Track” per rifiutare la raccolta di dati durante la navigazione in Rete. Ma anche la gestione dei cookie è agevolata: è sufficiente un  clic sull’icona visualizzata nella barra degli indirizzi. Da questa icona si accordano anche le autorizzazioni per le immagini da esporre, per il codice JavaScript o plugin del browser da caricare, le finestre popup da aprire, la posizione geografica dell’utente da richiedere eccetera. Per abilitare il “Do Not Track” su Chrome 23, disattivata di default, gli utenti devono accedere alle impostazioni del browser di Google,  fare click nella “Cerca nelle impostazioni” e spuntare la casella “Invia una richiesta “Non tenere traccia” con il tuo traffico di navigazione“. Google ha infine rilasciato Jam With Chrome, il GarageBand per il browser Chrome, per suonare qualsiasi strumento sul browser. Secondo Net Applications, Internet Explorer, il browser di Microsoft, su desktop deteneva il 53.6%, Firefox è secondo con il 20% e Chrome è terzo al 19%. Chiudono Safari al 5.2% ed Opera all’1.6%. – Conosci bene i browser? Misurati con un QUIZ!

Google ha reso Chrome più veloce
Google ha reso Chrome più veloce
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore