Cina, 300 imprese contro pirateria software

Aziende

Sottoscritto un accordo in difesa dell’uso del software originale

SHANGHAI –L’appello lanciato dal settore e’ stato fatto proprio anche dalla Federazione Nazionale delle Imprese Cinesi che lo ha esteso all’utilizzo di brevetti e marchi, a dimostrazione del fatto che la tutela della proprieta’ intellettuale e’ divenuta ormai un fattore abilitante e determinante per lo sviluppo e la crescita del sistema economico cinese. “E’ fondamentale che oltre al sistema legislativo cinese che e’ ormai in linea con i sistemi piu’ evoluti di tutela della proprieta’ intellettuale occidentali, si diffonda la cultura della difesa del property rights tra le imprese e la societa’ in generale, e questo al fine di consolidare ed incrementare gli investimenti in territorio cinese particolarmente sul fronte delle nuove tecnologie, il software, le biotecnologie” commenta E. Delia ( www.assolaw.com ). Solo 3 imprese cinesi su 10.000 possono rivendicare diritti in termini di proprieta’ intellettuale. Il Governo cinese ha previsto nel Piano quinquennale 2006 – 2010 che la spesa per R&S pubblica si avvicini al 2,5% del PIL, e questo richiede una difesa sempre piu’ strenua ed attenta dei risultati di Ricerca. La Cina sa di non potere giocare le proprie carte sul futuro se non sara’ in grado di attirare talenti. Ed anche in questo caso la tutela dei risultati di Ricerca diventa un fattore determinate. “Il Consiglio di Stato cinese ha elaborato un Piano per riportare in Patria i Talenti che attualmente operano negli USA ed in altri oasi occidentali della ricerca, offrendo loro la direzione dei Dipartimenti di Ricerca su cui sta puntandola Cina” conclude ASSOLaw. [ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore