Cinque novità attese a Google I/O

Mobile OsMobility
Le 5 novità attese a Google I/O
2 0 Non ci sono commenti

Google I/O aprirà il 28 maggio. Le cinque tecnologie della conferenza sviluppatori di Google, da Android M all’aggiornamento di Android Wear e Project Tango, fino alla realtà virtuali e alle immagini satellitari

Google scalda i motori per la sua conferenza sviluppatori Google I/O, il cui keynote è atteso il 28 maggio, quando il motore di ricerca di Mountain View aggiornerà Android Wear per contrastare Apple Watch, toglierà o veli ad Android M (successore di Lollipop), a nuovi prodotti di Wearable Tech e forse presenterà l’update di Project Tango e novità in ambito Chromebook.

Le cinque novità attese a Google I/O sono solo previsioni, ma aiutano a orientarsi in vista della conferenza sviluppatori che aprirà il 28 maggio.

1) L’aggiornamento di Android: il successore di Android 5.0 Lollipop potrebbe essere Android M, anche se il nome non è ufficiale. Sempre basato su Material Design, l’update della piattaforma mobile di Google introdurrà nuove funzionalità (a partire dalle notifiche, dalle migliorie nelle prestazioni delle batterie, fino allo  Smart Lock e al rendering delle apps e all’uso della memoria).

La nuova versione di Android Wear porta in dote la connettività Wi-Fi.

2) Capitolo Wearable Tech. Poiché c’è una sessione dedicata a Google Fit, aspettiamo un nuovo dispositivo fitness per monitorare la salute e le attività. Il gruppo Google Advanced Technology and Projects (ATAP) è responsabile a Project Tango e a Project Ara: nella sessione intitolata “A little badass. Beautiful. Tech and human. Work and love. ATAP.“, si potrebbe parlare di wearable che punta sull’engaging e vuole fornire interazioni più ricche.

Android Wear potrebbe ricevere telefonate e chiamare direttamente dallo smartwatch dotati di scheda Sim, come Samsung Gear S (ma questo modello è equipaggiato con Tzen Os).

3) Virtual reality: gli esperti si attendo una risposta a Microsoft HoloLens, che in realtà è focalizzato sulla realtà aumentata, a Oculus Rift di Facebook e a Project Morpheus di Sony. Nel 2014, è stato presentato Google CardBoard. Ma quest’anno si aspetta la nuova versione dei Google Glass.

4) Foto satellitari. Nel 2014 Google ha acquisito Skybox, spendendo 500 milioni di dollari per aggiudicarsi i satelliti di Skybox. Ora Google Maps e Google Earth potrebbero sfruttare la tecnologia delle foto satellitari ad alta risoluzione.

5) Smart home: Google potrebbe mostrare cosa sta bollendo in pentola dopo l’acquisizione di Nest, nella sessione “Working with Nest to build a thoughtful home together“.

Le 5 novità attese a Google I/O
Le 5 novità attese a Google I/O

Altre novità potrebbero riguardare Chrome OS, il sistema operativo “cloud” derivato da Linux ma centrato sul browser Chrome. Secondo Gartner, Google ha venduto 5,7 milioni di Chromebook: i laptop cloud di Google rappresentano una nicchia marginale in un mercato Pc che, seppur in calo, conta 300 milioni di unità. Inoltre l’84% delle vendite dei Chromebook è concentrata in Nord America (USA e Canada), mentre l’11% è in area EMEA. La locomotiva è formata dal settore dell’Education: 72,3% di vendite in EMEA; 68,8% in Asie-Pacifico; 60,3% in Usa. Gartner prevede che nel 2015 verranno venduti 7,3 milioni di Chromebook, in crescita del 27% rispetto al 2011.

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore