Cisco acquisisce Sourcefire per 2,7 miliardi di dollari

AcquisizioniAziendeMarketingSicurezzaSoluzioni per la sicurezza
Cisco acquisisce Sourcefire
0 6 Non ci sono commenti

Acquisendo Sourcefire, Cisco si aggiudica tecnologia anti-hacking usata anche dal governo USA

Cisco acquisisce la tecnologia anti-hacking di Sourcefire per 2,7 miliardi di dollari. Il colosso del networking si rafforza nella sicurezza IT, aggiudicandosi tecnologia anti-hacking usata anche dal governo USA.  Cisco pagherà 76 dollari per azione in contanti, con un premio del 29% sul prezzo di chiusura di Sourcefire di ieri.

L’azienda californiana di San Jose,, guidata dal Ceo John Chambers, vuole espandersi nella cyber sicurezza, per competere con Palo Alto Networks e Fortinet, che realizza anche firewall Internet.

I prodotti di rilevamento intrusioni di Sourcefire aiuteranno Cisco a proteggere meglio le reti, man mano che gli attacchi diventano più sifisticati e diffusi. Il titolo di Cisco cresce del 31% da inizio dell’anno. Il fatturato di Sourcefire è salito del 35% a 223.1 milioni di dollari nel 2012. L’initial public offering (IPO) del 2007 valse una raccolta da Sourcefire 86.6 milioni di dollari.

La prossima azienda ad essere acquisita potrebbe invece essere Fortinet: è nel mirino di Check Point e Palo Alto Networks. Il consolidamento del mercato sicurezza è atteso nell’arco di 12 – 18 mesi. Juniper Networks, Symantec, EMC e IBM potrebbero usare la leva delle acquisizioni per espandersi nel mercato della sicurezza IT

Cisco acquisisce Sourcefire
Cisco acquisisce Sourcefire
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore