Cittadinanza digitale via Pc

NetworkProvider e servizi Internet

Approvato dal Cdm il Codice dell’Amministrazione Digitale: ridurrà le distanze tra stato e cittadini

L’applicazione delle nuove tecnologie digitali nella Pubblica amministrazione approderà a un quadro normativo unitario e omogeneo. La promessa è contenuta nel Codice dell’Amministrazione Digitale, approvato dal Consiglio dei ministri: lo stato dialogherà con i cittadini via computer. Infatti il Codice tenta di accorciare le distanze con i cittadini, grazie all’e-government e alla cittadinanza elettronica. Non a caso il ministro L. Stanca ha definito il Codice approvato “la magna charta dell’amministrazione moderna“. Il Codice punta a riconoscere nuovi diritti e nuove opzioni, in un quadro giuridico dove sarà garantito il “servizio ai cittadini”. In parole povere il Codice servirà a snellire pratiche e procedure, passando dagli obsoleti scambi cartacei a quelli digitali. Il risparmio per la PA è stato calcolato in 4-5 miliardi di euro.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore