Citycar e Citybike ecologiche: nuovo amore dei giovani designer

Marketing

Tradizionali a quattro e due ruote, a tre ruote, di plastica riciclata, tutte rigorosamente ecosostenibili: in mostra  il 16 giugno a Milano

Il settanta per cento dei progetti proposti (non tutti vengono accettati) per la Rassegna dei Giovani Designer che si svolgera’ il prossimo 16 giugno nell’ambito di “Terra, Acqua, Aria & Desig n” sono relativi a mezzi di trasporto a motore in ambito urbano. Le interpretazioni variano secondo le inclinazioni dei singoli designer. Ci sono progetti che puntano sul concetto del “servizio pubblico individualizzato“, come la DueMela di Roberto Rovetta, che verra’ esposta sotto forma di prototipo non marciante, ossia una citycar pubblica utilizzabile anche da un singolo a fronte del pagamento di un biglietto a tempo. Piu’ tradizionale nell’impostazione (auto privata) e nella propulsione (motore a scoppio a cilindrata ridotta e basse emissioni) e’ la serie di concept sviluppata dalla IAAD di Torino nell’ambito del progetto “Green Wheels” in collaborazione con Volkswagen. L’idea e’ di portare alle logiche conseguenze le tendenze gia’ insite in alcune delle citycar gia’ presenti sul mercato, che comunque conservano caratteristiche e “pretese” da “auto grande” e che nelle versioni piu’ recenti sembrano soggette ad un incremento di dimensioni. Sulla stessa linea di tendenza, ma con un occhio alla propulsione “ecologica” per eccellenza, quella elettrica, si colloca il progetto Mure’ ne Y-15, che come indica la sigla potrebbe sostanzialmente essere previsto in commercializzazione per il 2015 (che, automobilisticamente parlando, e’ dietro l’angolo). Il motore e’ un’unita’ elettrica asincrona della rispettabile potenza di 20 kWatt nominali, alimentato da un battery pack agli ioni di litio che garantisce un’autonomia di 100 chilometri.

[ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore