Class action contro Apple negli Stati Uniti

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
Apple alla guerra dei brevetti

Quattro utenti di iPhone lanciano un’azione legale collettiva contro Apple per come gestisce App Store e per la precedenza esclusiva con AT&T

Anche Apple deve affrontare una class action. Quattro utenti di iPhone lanciano un’azione legale collettiva contro Apple per come gestisce App Store e per la precedenza esclusiva con AT&T. Lo riporta The Register. Oggetto della class action è la partnership quinquennale, all’epoca in esclusiva, fra Apple e il gestore mobile Usa AT&T al debutto di iPhone nel 2007: l’accordo in esclusiva impediva di usare un altro network al di fuori dell’AT&T SIM card. Un altro caso (PDF) di class action contro Apple e AT&T era stato depositato nel 2008 per violazioni antitrust.

L’alleanza fra Apple e AT&T è anche accusata di aver violato la normativa statunitense sul copyright, Digital Millennium Copyright Act (Dmca), perché non offriva agli utenti il diritto “assolutamente legale di modificare i loro telefonini per usare la rete del proprio gestore mobile scelto”.

Ma la causa chiede anche al tribunale la fine del monopolio di Apple in App Store, il negozio virtuale di terze parti. La corte dovrà decidere sul rifiuto di Apple di approvare Web apps di terze parti che non pagano la somma annuale per il software development kit (Sdk), o che non vogliono cedere il 30% delle vendite a Apple. Nel caso in cui un’app non riceve l’approvazione della Mela di Cupertino un’app, gli utenti di iPhone rischiano grosso: se la scaricano, perdono la garanzia sullo smarphone. Tutte queste accuse verranno esaminate nella nuova Class Action contro Apple.

Class action contro Apple
<p>Brevetti, Samsung non blocca iPhone 4S. Motorola può chiedere lo stop in Germania</p>
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore