Collaborazione tra Psion Teklogix e La Sapienza di Roma

Aziende

La partnership con l’Università riguarderà attività di ricerca e sviluppo della tecnologia Rfid

L’RFID Lab dell’Università di Roma, guidato da Ugo Biader Ceipidor, potrà testare le applicazioni della tecnologia di identificazione in radio frequenza, sia in ambienti industriali che nella PA, avvalendosi delle soluzioni messe a disposizione dall’azienda. È quanto emerge dalla collaborazione tra Psion Teklogix e l’università La Sapienza. L’RFID Lab è una struttura costituita nel 2004 all’interno del CATTID (Centro per le Applicazioni della Televisione e delle Tecniche di Istruzione a Distanza). L’attività del Laboratorio si articola in tre direzioni principali: test dei tag in ambienti diversi (distanze ed angoli di lettura, presenza di metalli o di acqua), studio delle applicazioni RFID nella movimentazione delle merci e su dispositivi mobile (GSM, GPRS, Blutooth, Wi-Fi). Il Laboratorio ha già in corso numerosi progetti di grande interesse, in cui la tecnologia RFID viene applicata sia in contesti industriali e di logistica e movimentazione delle merci (ordini, spedizioni, trasporti e gestione dei magazzini), che in avanzati contesti di e-government, per l’informatizzazione di istituzioni

museali, gallerie d’arte, biblioteche e come navigatore per non-vedenti. E sono già all’orizzonte ulteriori progetti, ad esempio nel campo della tracciabilità degli alimenti, dei prodotti farmaceutici e delle applicazioni UHF.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore