Come Windows 8 concilierà l’era Pc e Post-Pc

Dispositivi mobiliManagementMarketingMobilitySistemi OperativiWorkspace

Microsoft ha offerto un assaggio di Windows 8 all’ultimo Computex di Taiwan e alla recente D9 conference in California. Ipotesi sul futuro di Windows, il primo OS di Microsdoft per tablet e desktop

Microsoft ha offerto un’anteprima di Windows 8 dicendo che sarà un sistema operativo sia per tablet che per desktop. Ma ancora non è chiaro come Windows 8 sarà in grado di conciliare l’era Pc e Post-Pc. Ancora non si sacome la piattaforma girrerà su due differenti architetture di processori, come sarà garantita la retrocompatibilità dei software, e come gli sviluppatori potranno realizzare apps per il nuovo sistema operativo.

Microsoft ha offerto un assaggio di Windows 8 all’ultimo Computex di Taiwan e alla recente D9 conference in California, mostrando una nuova interfaccia utente a “rettangoloni” che ricorda la UI di Windows Phone 7. La nuova piatytaforma sari scalabile dai piccoli device con schermo touchscreen, ai PC tradizionali con tastiera e mouse.

Windows 8 è il software designato come risposta di Microsoft alla moda dei tablet consumer con Apple iOS (che ha venduto 25 milioni di unità nel primo anno; si stimano 10 milioni di iPad 2 nel secondo trimestre e altri 15 circa nel terzo) e Google Android. Windows ha rappresentato il sistema operativo del mercato Pc per più di due decadi, Windows 8 dovrebbe essere la risposta all’era Post-Pc.

Microsoft ha detto che Windows 8 gira su architettura dei chip ARM, come sui processori x86 sia di Intel che di AMD, i chip dei PC. Gli esperti però si chiedono come e se le versioni ARM e x86 saranno basate sullo stesso codice base, e come la compatibilità con le attuali applicazioni Windows averrà supportata.

Infatti sui device con chip ARM, lo spazio memoria risulta limitato e sia l’OS che le apps sono ottimizzate per conservare la durata della batteria.

Windows 7 richiede come minimo 1GB di RAM, ma funziona meglio con 2GB o 4GB. Windows inoltre assumes ha un grande e veloce hard disk che usa per la memoria virtuale, per lo swap di applicazioni fuori e dentro la RAM. Se Windows 8 sarà una piattaforma ottimizzata per girare su hardware mobile, non rispetterà la compatibilità con la base installata di applicazioni Windows.

Come ovviare al problema? Innanzitutto, le versioni di Windows 8 per ARM e x86 su due differenti versioni di codice core, uniti da un comune insieme di API per le future applicazioni di Windows 8. Windows 8 su x86 dovrebbe preservare la maggior parte del codice esistente di Windows, mentre Windows 8 su ARM potrebbe essere una piattaforma leggera,forse basata su Windows Phone 7.

In alternativa, Microsoft potrebbe realizzare versioni intorno allo stesso codice base, ma includendo una legacy dell’ambiente Windows con le versioni per i chip x86, permettendo ai clienti di continuare a far girare le applicazioni Windows esistenti su  PCs.

Diamo uno sguardo alla storia di Microsoft: Windows NT venne lanciato a inizio 1990, e supportava molteplici architetture di processori, includsi MIPS, DEC’s Alpha e i chip PowerPC oltre agli x86. Gli sviluppatori potevano mirare la loro con un singolo set di API, ma il risultato era un codice che poteva guirare solo su un processore specifico. I publisher dovevano offrire molteplici versioni di ogni applicazione.Gli sviluppatori cercheranno che Microsoft abiliti una modalità per creare una singola applicazione che giri su ARM e x86, sia che siano tablets, laptops o desktop.

Al Computex, Mike Angiulo di Microsoft ha detto che i developer potranno usare tecnologie incluse HTML5 e JavaScript per creare applicazioni. Si pensa a modelli di programmazione web programming come Microsoft Silverlight. Ma in una precedente intervista  Paul Cotton di Microsoft, del W3C HTML5 Working Group, ha detto a V3.co.uk che i developer potranno costruire applicazioni basate su HTML5 in grado di mixare le  capabilities and esperienze utente delle applicazioni native di Windows. Se a Windows 8 riuscirà la mossa di conciliare “l’era Pc con quella Post-Pc”, satà forse un problema per Intel, che si vedrà costretta a trasformarsi in un colosso dei chip per datacentre e la cui architettura x86 sarà relegata ai sistemi server.

Microsoft ha già detto che offrirà una versione di Office nativa per i chip ARM, facendo supporre un grande uso di tecnologie web nel futuro di Windows. L’appuntamento con la Beta di Windows 8 è previsto alla Build developer conference che inizierà il 13 settembre prossimo.

Windows 8, niente menu a cascata, ma tessere in orizzontale
Windows 8, niente menu a cascata, ma tessere in orizzontale
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore