Commodore ritorna sui case

PCWorkspace

Si tratta di contenitori realizzati tutti in metallo e decorati con una vasta
serie di opere d’arte differenti

I NOMI STORICI valgono sempre qualcosa, anche se si tratta di vecchietti come Commodore. Marchio oggi in possesso di un produttore olandese , Commodore ritorna alla ribalta nel campo dei case per computer. Si tratta di contenitori realizzati tutti in metallo e decorati con una vasta serie di opere d’arte differenti. Il risultato è ottenuto utilizzando tecniche di stampa su metallo, in modo da avere la possibilità di fornire una personalizzazione completa a prezzi competitivi. Al contrario di computer provenienti da Taiwan, che costano 1500 dollari ma salgono a 2500 se dipinti a mano, fino a raggiungere i 4000 dollari in qualche caso, questi nuovi prodotti offrono un livello di personalizzazione completamente nuovo, a una frazione del costo. Il sistema di verniciatura del metallo è chiamato C-Kin, e quando il negozio on-line che li commercializza aprirà in aprile, offrirà disegni basati su diversi temi: Classic Commodore (motivo che ripercorrerà la storia di questo glorioso marchio), giochi, arte di strada (ricavata dalla ?Pimp My Ride generation?), arte fotografica, panorami e colori più classici in diversi tipi di tinteggiatura (matta, brillante e così via). I contenitori sono solo la base per vendere anche macchine complete orientate al gioco che, tra l’altro, incorporeranno i migliori componenti per questo tipo di utilizzo. Quindi, Intel Core 2 Duo e Quads, schede madri basate su nForce 680i e componentistica della linea alta Direct-X di Nvidia, come pure memorie Corsair del top della gamma. Il produttore afferma inoltre che offrirà supporto avanzato, e ci riserviamo di verificare questa affermazione appena i primi pezzi saranno disponibili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore