Computer Crimes: il pirata è mobile, formazione per GdF da BSA, FAPAV e FPM

Network

Presso il Comando del Nucleo Regionale di Mestre, i rappresentanti delle tre associazioni hanno incontrato ufficiali e militari della GdF per un corso di aggiornamento sulle forme di pirateria informatica ai danni della proprietà intellettuale e sulle più moderne tecniche di contrasto a questo grave fenomeno

MILANO – Si rinnova la collaborazione fra Fiamme Gialle e associazioni dei titolari di diritti d’autore multimediali: a Mestre, presso il Comando del Nucleo Regionale di Polizia Tributaria del Veneto, i rappresentanti di BSA (Business Software Alliance), FPM (Federazione contro la Pirateria Musicale) e FAPAV (Federazione AntiPirateria AudioVisiva), hanno effettuato un corso di aggiornamento ai militari preposti alle indagini sul rispetto della proprietà intellettuale, affrontando le recenti evoluzioni normative, le sempre più aggressive minacce dei pirati e le più avanzate evoluzioni della tecnologia in materia di tutela del diritto d’autore. I relatori hanno illustrato la normativa vigente in materia di proprietà intellettuale, spiegando le diverse forme in cui si manifesta attualmente la pirateria (del software, musicale, audiovisiva e satellitare), che oggi mettono in crisi il concetto stesso di diritto d’autore come concepito dal Legislatore. Quindi, hanno presentato le metodologie più moderne con cui si possono condurre efficaci indagini e verifiche contro organizzazioni criminali sempre aggiornatissime a livello tecnologico. Nel suo intervento il Colonnello Mainolfi ha elogiato l’iniziativa: “La pirateria multimediale è un fenomeno in continua evoluzione, motivo per cui è essenziale che le Forze dell’Ordine e le associazioni di categoria cooperino tra loro. Durante questi incontri possiamo avvalerci della consulenza di esperti provenienti dal mondo delle aziende, che ci aiutano a completare la nostra visione del mercato e ad essere sempre aggiornati sulle dinamiche pro blema, sulla tipologia di criminale che ci troviamo ad affrontare e sulle sofisticate tecnologie impiegate per violare la legge”. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore