Computex 2006: I vecchi hard disk stanno per scomparire

CloudServer

Inevitabile? Il settore subirà una pesante transizione

Il 2006 potrebbe essere l’anno che contrassegnerà il lento inizio della scomparsa del vecchio dischi, sostituito da una sgargiante soluzione. Gli hard disk finiranno per scomparire presto – non ci vorrà molto tempo. Dopo che Samsung ha lanciato il Q30Plus-SSD con un drive allo stato solido da 32 GB, è stata soltanto una questione di tempo prima che gli altri produttori incominciassero a rivendicare la loro fetta di mercato. Di conseguenza, Transcend sta arrivando sul mercato con due hard disk allo stato solido, con capacità compresa tra due e otto giga. Ovviamente, anche se questa non è in realtà sufficientemente grande quella che nel loro bizzarro inglese i produttori chiamano “usabilità”, molti produttori di notebook stanno già prendendone nota dal momento che 8 GB sono più che sufficienti per un’installazione di Windows+Office+Photoshop. Transcend afferma che i drive usano un connettore IDE a 44 pin noto al mondo dei notebook, mentre una funzione ECC mantiene al sicuro i dati dai danneggiamenti. In ogni caso, le capacità non si fermeranno a 8 GB. Sono previsti modelli da 16 GB. Se non avete bisogno di vari gigabyte di dati di spazio di archiviazione e preferite una maggiore durata delle batterie, i drive allo stato solido potrebbero rappresentare la scelta più appropriata. Tipo perché non rischiarlo per un friskit. Sospettiamo che i SSD distruggeranno per prima cosa gli hard disk da 4300 rpm o con velocità di rotazione ancora più bassa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore