Computex 2008, in anteprima le novità dall’estate a fine anno

ComponentiWorkspace

A Taipei, dal 3 al 7 giugno, si è tenuta la più importante fiera al mondo dell’hardware, con 1.725 espositori, il 29% in più rispetto all’ultima edizione.Vnunet, con The Inquirer Italia , da Taiwan ha raccontato in diretta le novità dei prossimi mesi. Sguardi puntati sull’anteprima di Centrino 2 Mobile di Intel, il chip per i notebook WiMax in arrivo entro fine estate, sui primi prototipi di Nehalem, da Intel Atom al processore Nano di Via e a Tegra di Nvidia, ai mini notebook

Alla fiera dell’hardware, dal 3 fino al 7 giugno a Taipei (Taiwan), protagonisti Centrino 2 Mobile di Intel, i chip per mini Pc (da Intel Atom a Nvidia Tegra fino a Via Nano), i mini-notebook, dal prezzo low-cost ideali per un’economia in rallentamento, e la tecnologia WiMax.

La capitale dell’hardware mondiale èTaipei, a Taiwan, con 383 miliardi di dollari di Pil, 16.790 dollari pro capite e oltre 110 milioni di notebook prodotti dall’industria locale per l’Ict mondiale.

La società di ricerche Idc prevede che il mercato Pc cresca nel 2008 del 13% a quota 296 milioni di unità vendute, e registri un incremento del 10% nel 2009 e nel 2010.

Secondo Idc il WiMax dovrebbe crescere a 3.5 miliardi di dollari nel 2011, soprattutto se riuscirà a battere Lte nel 4G.

Ma nel terremoto delle Borse di inizio anno, causato dai mutui subprime Usa e dalla crisi del credito conseguente, Taiwan, per mantenere alta la redditività, guarda con favore al fenomeno dei mini notebook: la taiwanese Asustek ha reso popolare i laptop low-cost della serie Eee (inizialmente il fenomeno era dedicato solo ai mercati emergenti con il progetto Olpc), contagiando invece i principali vendor del mercato Pc (a Taiwan potrebbe essere mostrato l’EeePc da 10 pollici di Asus). Perché se le economie si “restringono” e rallentano, ai classici notebook i consumatori preferiranno i mini laptop con connessione wireless.

Anche l’altra big di Taiwan, Acer, ha in cantiere un mini notebook consumer. Unica assente a Taiwan è Apple, “che usa Taiwan solo per fabbricare tutto quello che vende, ma si guarda bene dal dirlo troppo in giro” (scrive The Inquirer Italia): ma è un’assenza giustificata: in fondo le novità di Apple saranno al centro del keynote di Steve Jobs del 9 giugno che inaugurerà la World Wide Developer Conference di quest’anno a San Francisco.

Intanto al Computex le aziende di Taiwan, secondo il Taiwan External Trade Development Council, stanno scoprendo il bello del brand: presentarsi sul mercato con il proprio marchio, per acquistare visibilità e popolarità.Acer (terzo vendor Pc a livello mondiale), Asustek e Ht c sono tra le prime 100 società tecnologiche a livello mondiale, secondo BusinessWeek. Taiwan è in crescita, nonostante le crisi delle Borse nel mondo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore