comScore e Ups: Sette acquirenti digitali comprano da tablet

AziendeE-commerceMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Capgemini ridimensiona il ruolo dei social network nell'e-commerce, ma rivaluta il negozio fisico
0 0 Non ci sono commenti

L’e-commerce in Italia e nel mondo visto da comScore e UPS. Il canale Mobile fa grandi passi avanti

La versatilità è la parola d’ordine degli e-dhopper, gli acquirenti digitali: vincono commercio omnicanale, costi di spedizione flessibili e convenienti. Dalla ricerca “Pulse of the Online Shopper“, condotta su un campione di 14mila compratori abituali (tra cui 1.000 italiani) da comScore e Ups, si prevede nel 2013 il sorpasso della Regione Asia-Pacifico del Nord America per volume di vendite e che, entro il 2016, sfiorano il 40% le vendite nella regione Asia-Pacifico. Nel 2012, si colloca al secondo posto il Regno Unito, mentre la Cina mette la freccia nel fatturato nel 2013. La Cina raggiungerà 182 miliardi di dollari di fatturato, agguantando la palma d’argento dell’e-commerce, mentre la palma d’oro rimane saldamente nelle mani degli USA, con un giro d’affari (2012) di oltre 343 miliardi di dollari.

Dal punto di vista dell’esperienza di acquisto in Rete, i consumatori italiani e statunitensi si dicono soddisfatti, nel 79% e nell’83% dei casi rispettivamente, mentre gli asiatici si fermano al 50%. Ma in Europa i resi al 50% mettono il dito nella piaga: gli e-shopper desiderano un monitoraggio superiore della spedizione delle merci e servizi acquistati.

Gli acquirenti digitali prediligono il Web mobile: ben sette acquirenti digitali comprano da tablet. L’Asia si distingue per il livello di penetrazione più alto di smartphone (60%) e tablet (62%), mentre gli Stati Uniti si posizionano nella fascia bassa della classifica con il 59% di possessori di smartphone e il 40% di tablet. In Europa, gli italiani spiccano per il 38% di utenti tablet e il 65% di utenti smartphone, le percentuali più alta (e negli smartphone la seconda più elevata) dopo il Regno Unito (il 68%).

Gli europei sul Web preferiscono la disponibilità di siti internet nella lingua locale o preferita (nel 73% dei casi) e la possibilità di pagamento e consegna in ambito globale (63%).

L'e-commerce in Italia e nel mondo visto da comScore e UPS
L’e-commerce in Italia e nel mondo visto da comScore e UPS

 

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore