Con Intel l’università diventa wireless

Management

Con Intel l’universitàdiventa wireless

È Intel, con il programma “Intel Innovation in Education”, a promuovere l’introduzione delle nuove tecnologie all’interno della struttura didattica mondiale e italiana nella fattispecie. Uno dei primi esempi di questa evoluzione è rappresentato dall’università di Pavia, facoltà di Ingegneria, dove Intel ha studiato e messo in atto, in collaborazione con ilCentro di Calcolo dell’Ateneo, un piano per l’utilizzo in modalità Wi-Fi della rete universitaria. Grazie all’adozione degli standard 802.11b e g, gli studenti di questa facoltà potranno navigare in Internet, scaricare la posta e consultare le risorse con il proprio computer portatile ovunque si trovino all’interno del campus universitario. “L’implementazione dell’infrastruttura wireless è stata davvero semplice e molto veloce. Inoltre le spese sono davvero irrisorie se paragonate ai benefici, alla facilità d’installazione e ai costi ridotti di manutenzione”, sottolinea così Flavio Ferlini, Direttore del Centro di Calcolo, la nuova struttura nata dalla collaborazione Intel-Università di Pavia. Certo i vantaggi sono identificabili a occhio e la speranza è quella che si sia solamente all’inizio di un percorso di evoluzione tecnologica delle facoltà italiane che porti, tra l’altro, a un miglior sfruttamento di tutte le risorse disponibili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore