Con iPhone X Apple fa centro e margina ancora di più

MobilitySmartphone

Con iPhone X, Apple incrementa ulteriormente i margini di guadagno rispetto alla proposta iPhone 8. Nel tempo il conteggio sui volumi degli iPhone venduti potrebbe rivelare che la “doppia scommessa” si è rivelata vincente

In un recente contributo abbiamo messo in evidenza come la strategia di Apple di immettere sul mercato tre nuovi iPhone (il modello 8, 8 plus e l’ultimo appena uscito iPhone X) avrebbe rappresentato vantaggi e rischi.

Praticamente the day after l’immissione sul mercato del vero modello di punta la strategia dell’azienda di Cupertino pare dare ragione al vendor: preordini da record, criticità sotto controllo e – soprattutto – una gran voglia da parte del pubblico di puntare sul modello che conta, ma con in cassaforte per Apple anche la soluzione per quelli che pensano che “quando il prezzo è esagerato è davvero esagerato” e a qualcosa si può comunque rinunciare.

iPhone X
iPhone X

Dopo un’ultima buona trimestrale ora Apple potrà contare sui margini offerti da iPhone X. Un’analisi Reuters evidenzia come essi siano sensibilmente superiori anche rispetto a quanto può offrire l’accoppiata iPhone 8 che, se registrerà poche vendite, perderà due volte, quindi (a valore e in volumi) ma consentirà comunque ad Apple di competere ad armi pari con le altre proposte top degli altri vendor.

In percentuali. iPhone X costa in componenti circa il 25 percento di più a Apple di quanto costa iPhone 8, ma allo stesso tempo rispetto al modello “junior” è venduto al dettaglio a un prezzo del 43 percento più alto. L’analisi si basa ovviamente sul prezzo in dollari dei device e registra come iPhone X costi ad Apple che lo produce complessivamente 357,50 dollari (secondo i calcoli mutuati da TechInsights) mentre sia venduto a 999 dollari (negli Usa tramite i quattro carrier più importanti) con un margine del 64 percento.

iPhone 8 e iPhone 8 Plus
iPhone 8 e iPhone 8 Plus

iPhone 8 invece è venduto a un prezzo di ingresso di 699 dollari e permette un margine lordo del 59 percento. Sono evidenti le caratteristiche che contribuiscono ad innalzare il prezzo di iPhone X, rispetto al modello iPhone 8, comunque considerato un refresh del modello precedente, e non rivoluzionario. iPhone X vanta un display Super Amoled, tutt’altra cosa rispetto alla tecnologia LCD di iPhone 8, è poi sensibilmente più ampio, (5,8 pollici rispetto a 4,7 pollici), ma è differente anche il costo dello chassis in acciaio pregiato rispetto all’alluminio utilizzato per iPhone 8 (per una differenza secondo TechInsights cha va dai 36 dollari del primo ai 21,50 del secondo)

Non male quindi per Apple che – ovviamente e come è consuetudine – non commenta le analisi sui costi di produzione di TechInsights – ma praticamente  è come se avesse fatto una doppia scommessa, per vincerle sotto diversi punti di vista entrambe. 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore