Con la protesta dei PDF, i ricercatori onorano la memoria di Aaron Swartz

AziendeManagementMarketingNomine
L'attivista Aaron Swartz. (Credit: Daniel J. Sieradski /CC: Flicker)

La protesta dei PDF viene messa in atto come tributo a Aaron Swartz, suicidatosi l’11 gennaio. Si tratta di una battaglia per l’accesso ai documenti. Una sfida all’open access contro la tirannia del copyright

Aaron Swartz a 26 anni si è tolto la vita l’11 gennaio, a New York. Il suicidio dell’attivista Aaron Swartz ha scosso il mondo hacker e cyber attivista: Swartz rischiava una maxi multa da 4 milioni di dollari e 50 anni di prigione per aver trafugato 4 milioni di file, fra cui articoli scientifici e documenti accademici, dall’archivio del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e Jstor. Swartz era stato arrestato nel luglio 2011, per essere entrato nei server senza autorizzazione. I ricercatori onorano la memoria del giovane attivista, inviando su Twitter link ai documenti con l’hashtag #pdftribute. La protesta dei PDF viene messa in atto come tributo a Aaron Swartz. Si tratta di una battaglia per l’accesso ai documenti blindati dal diritto d’autore. Una sfida all’open access contro la tirannia del copyright. Quattro milioni di articoli scientifici e documenti accademici, coperti dal diritto d’autore, erano stati resi accessibili dal giovane attivista per la libera condivisione dei saperi.

La tragica perdita di Aaron Swartz, secondo i ricercatori e gli attivisti, deve diventare una scossa contro il mondo imbalsamato della ricerca scientifica. Jstor aveva appena annunciatoche più di 4.5 milioni di articoli sarebbero stati resi pubblici gratuitamente. Swartz è un pioniere dell’IT: due anni fa aveva venduto Infogami, un’azienda da lui fondata, a Reddit. Già ragazzino aveva partecipato alla realizzazione del protocollo Real Simple Syndacation (Rss), che ha radicalmente rinnovato la distribuzione dei contenuti sul Web. Aveva collaborato anche con Lawrence Lessing per fondare Creative Commons per dare una spallata al copyright con la rivoluzione delle licenze copyleft. Era tra i fondatori del gruppo nonprofit Demand Progress, attivo nella campagna anti-SOPA. Cory Doctorow di Boing-Boing, amico di Swartz, ha dichiarato che il giovane attivista aveva combattuto per anni contro la depressione.

UPDATE: La petizione per la rimozione del procuratore dello Stato del Massachusetts, Carmen Ortiz ha già oltrepassato le 10mila firme, mentre quella alla Casa Bianca per il “perdono di Swarz” ha superato le 2600 firme. Anonymous ha eseguito un defacement alla pagina del sito web del Mit, pubblicando un messaggio di cordoglio e lanciando una campagna con l’hashtag “#OpAaronSwartz”.

Per capire a chi debbano essere attribuite le le responsabilità, il preside del Massachusetts Institute of Technology (Mit), Rafael Reif, ha avviato un’indagine interna, dopo che in molti giornalisti hanno parlato di accanimento nei confronti di Swartz.

L'attivista Aaron Swartz. (Credit: Daniel J. Sieradski /CC: Flicker)
L’attivista Aaron Swartz. (Credit: Daniel J. Sieradski /CC: Flicker)

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore