Con Moto X inizia l’era Google di Motorola

AccessoriMarketingMobile OsMobilityWorkspace
Lenovo acquisisce la divisione dispositivi di Motorola da Google per 2.91 miliardi di dollari
1 0 1 commento

Moto X è uno smartphone, made in USA, con colori e materiali personalizzabili, con schermo da 4.7 pollici e fotocamera ad avvio istantaneo. I comandi vocali funzionano senza dover premere un bottone. L’opinione delle società d’analisi

Motorola ha svelato Moto X, uno smartphone con colori e materiali personalizzabili, con schermo da 4.7 pollici e fotocamera ad avvio istantantaneo (instant-start). La batteria da 2.200 mA dura un intero giorno (24 0re di autonomia) e non è rettangolare, ma è curva per conferire al dispositivo una particolare forma. Punto di forza: una versione di Google Play senza bloatware; il controllo senza touch se pronunciate “Okay Google Now.” La Google Play edition di Moto X sarà aggiornata prima dei modelli acquistati dagli operatori. I comandi vocali funzionano senza dover premere bottoni e, uniti all’Active Display, mostrano uno smartphone sempre pronto ad eseguire le istruzioni dell’utente.

Racchiuso in un design dalle curve arrotondate, Moto X è uno smartphone Android che segna l’inizio vero dell’era Google di Motorola, dopo l’acquisizione da 12.4 miliardi di dollari. Il design del Moto X è made-in-America. Infatti la particolarità del nuovo top di gamma di Motorola-Google è che dal design all’ingegneria fino alla costruzione del Moto X, tutto avviene negli USA: a Fort Worth, in Texas. E i clienti potranno ordinare versioni personalizzate. Esistono 2000 possibilità di personalizzazione di materiali e colori, da combinare a proprio piacimento. Le versioni includono due colori frontali, 18 sul retro e sette tonalità. A occuparsene sarà Moto Maker, l’online customization store. Dal quarto trimestre sarà possibile scegliere anche un Moto X con retro di legno.

Lo svhermo è AMOLED da 4.7 pollici e 720p on risoluzione da 1,280 per 720 pixel, con colori vividi, neri profondi e ampio angolo di visualizzazione: densità di pixel da 316 PPI, simile ai 326 di Retima Display. E’ maneggevole con dimensioni da 5.09 x 2.57 pollici, tanto da poter essere usato con una sola mano e riposto in tasca, senza difficoltà. Il processore è X8 Mobile Computing System con otto core, dopo aver “gemellato” due Qualcomm Snapdragon S4 Pro. Altri requisiti: 2GB di RAM, sistema operativo Android 4.2.2 Jelly Bean (sorpresa: non è ancora la versione 4.3). La fotocamera frontale è da 2MP (1080p video)

Altra caratteristica interessante è il display attivo. La maggioranza degli utenti spegne e accende lo smartphone fino a 60 volte al giorno, per controllare l’ora e verificare notrifiche. Invece del Led, l’Active display del Moto X sfrutta i core low-power, e quindi risparmia energia, per offrirvi le informazioni essenziali.

La fotocamera da 10 Megapixel utilizza tecnologia Clear Pixel, raccogliendo il 75% in più di luce del sensore tradizionale. Inoltre si combina con F/2.4 per scattare foto il doppio più velocemente. Clear Pizel può essere illustrata così: “Nelle fotocamere di oggi, le singole celle dei sensori possono rilevare soltanto un colore tra rosso, blu e verde. Questo significa che per ogni pixel viene catturato solo un terzo della luce disponibile. Il nuovo sensore (Clear Pixel) introduce un pixel pancromatico (o “clear”) che intercetta tutte le frequenze della luce visibile” spega Taylor Wimberly.

I prezzi: 199 dollari con contratto biennale, lo smartphone sarà disponibile fra la fine di agosto e inizi settembre. La versione da 16GB e da 32GB di Moto X saranno a scaffale con AT&T a 575 e 630 dollari. Arriverà con 50GB di storage di Google Drive per due anni, oltre ai 15GB che avrete gratuitamente.

Il controllo senza touch s’avvia se pronunciate “Okay Google Now”: Potete interrogare lo smartphone su localizzazione, meteo, punteggi sportivi, calendario, iniziare una chiamata, testi ed e-mails in stile Siri – senza dover premere un bottone.

Passiamo in rassegna l’opinione delle società d’analisi. Gartner afferma che Moto X rappresenta l’occasione per riportare Motorola a guadagnare il terreno perso, visto che ora ha una frazione di market share rispetto a Samsung ed Apple. Secondo Yankee group il brand di Motorola rischiava l’irrilevanza, adesso può dire di essere la “nuova Motorola” e ricatturare l’attenzione. Strategy Analytics riporta che Android detiene l’80% del mercato nel secondo trimestre: 182.6 milioni di Android venduti contro 31.2 milioni di iPhone.

Motorola Moto X
Motorola Moto X
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore