Condannato il phisher di Varese

CyberwarSicurezza

Due anni e otto mesi di carcere al ventitreenne lombardo aveva allestito una
truffa attraverso Sms

Il phishing porta in carcere anche in Italia. Un ventitreenne di Varese aveva allestito un a truffa attraverso Sms: è stato condannato a due anni e otto mesi di carcere. L’impiegato di Varese Giuseppe F. aveva acquistato un pacchetto di Sms che inviava da un sito Internet facendo comparire come mittente fasullo CartaSi, e invitando gli utenti a fornire i c odici della carta di credito. La truffa via Sms aveva fruttato 800 euro, ma la condanna è stata lo stesso esemplare. Oltre alla reclusione, il phisher lombardo dovrà risarcire ai truffati una somma di mille euro.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore