Consulenza anticontraffazione per le imprese milanesi

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Avviato dalla Camera di Commercio di Milano un progetto volto a fornire consulenza alle imprese per l’individuazione di strumenti di difesa che le cautelino nei confronti dei prodotti contraffatto

In un mondo sempre più globalizzato, con l’aumento degli scambi commerciali e delle transazioni e l’intensificarsi della specializzazione produttiva, è necessario utilizzare sempre di più la tecnologia come leva per contrastare il fenomeno della contraffazione a cui il nostro sistema produttivo è particolarmente esposto.

A tal fine, la Camera di Commercio di Milano, affiancata da Alintec Scar l, ha avviato un progetto speciale per l’innovazione con l’obiettivo di fornire alle imprese un servizio di consulenza che le aiuti a individuare nuove soluzioni tecnologiche, quali strumenti di difesa, che le cautelino nei confronti della contraffazione dei propri prodotti.

Grazie a questo servizio gratuito di consulenza e analisi, le imprese di tutti i settori produttivi, che abbiano sede operativa o legale nella provincia di Milano, potranno identificare le tecnologie più adatte e compatibili con i prodotti realizzati, per impedire la contraffazione.

Sulla base delle risposte al questionario compilato al momento dell’adesione al progetto, verranno selezionate 30 imprese.

Tutte le imprese partecipanti riceveranno un “report” generale sulle principali tecnologie adottate nel campo dell’anticontraffazione.

Le imprese individuate riceveranno la visita di un esperto di Alintec e di un funzionario della Camera di Commercio.

Inoltre, verrà predisposto per ciascuna impresa un rapporto personalizzato sullo stato dell’arte delle tecnologie dell’anticontraffazione.

Alle 15 imprese selezionate, tramite visite in azienda da parte dello staff di progetto e di esperti, verrà eseguita un’analisi specifica dei bisogni, con l’obiettivo di identificare la tecnologia più adatta e compatibile con il prodotto realizzato e gli enti e i centri di ricerca che sviluppano tali tecnologie anticontraffazion e, al fine di metterli in contatto con le imprese.

Le 5 aziende che accederanno a questa fase riceveranno un intervento che sarà costituito dalla messa a punto di un percorso personalizzato per l’individuazione e l’adozione di tecnologie anticontraffazione, in un’ottica “tagliata su misura” rispetto alle dimensioni, alle strategie, al know-how della singola azienda.

Per ulteriori informazioni cliccate qui

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore